"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 12 giugno 2013

Operazioni con le frazioni: metodo FARFALLA

E lo so, la scuola è bella che finita e i bambini ora sono felici e spensierati, come è giusto che sia, finalmente!
Anzi, ne approfitto proprio per augurare a loro una lunga estate piena di divertimenti, relax e giochi!
Nel frattempo, vi parlo di questa brutta cosa che sono le frazioni...

Eh, le frazioni sono difficili da digerire, me lo ricordo molto bene anche io,quando ho dovuto scervellarmi prima a capire cosa diavolo fossero le frazioni, e poi a giocarci con le operazioni.
Per chi proprio fosse a digiuno, ricapitoliamo in cosa consiste una frazione: è il rapporto tra due numeri interi, chiamati numeratore e denominatore.



Ho scovato questo metodo della farfalla, per risolvere addizioni e sottrazioni tra frazioni, senza fare uso del minimo comune multiplo (ovvero il più piccolo multiplo dei due denominatori) che, in genere, dovrebbe essere messo al denominatore della frazione risultato.

Osserviamo come si deve procedere:
Si scrive l'operazione da svolgere.
Si disegnano le ali della farfalla in questo modo... con tanto di antennine su ciascuna ala:
Su ogni antennina si scrivono i prodotti tra i due numeri contenuti in ciascuna ala: 3x5 e 2x4
Ora, questa farfalla ha bisogno del corpicino... e quindi provvediamo immediatamente, moltiplicando tra loro i due denominatori
Ed infine, fare l'operazione richiesta (in questo caso un'addizione) tra i numeri sulle antenne
Eventualmente semplificare il risultato, dividendo per interi comuni al numeratore e al denominatore, ma in questo caso non ce n'è bisogno.

Lo stesso procedimento si può adottare anche per le sottrazioni.
Che ve ne pare?
Può essere utile?

3 commenti:

  1. Una ficata!
    Ora Matteo è molto stanco, dopo un anno di scuola, ma non appena si rilassa un po' glielo mostro ... sotto forma di gioco naturalmente!
    A lui piacciono questi giochetti!

    RispondiElimina
  2. Ma non li potevano tirare fuori all'epoca mia sti trucchini?!?!? Quest'estate li mostro ai miei figli che ormai con le frazioni dovrebbero andarci a braccetto!!

    RispondiElimina
  3. bello!!! molto utile e facile da capire!!!! e se l'ho capito io!!!

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...