"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

martedì 16 aprile 2013

Come "riciclare" le uova di cioccolato

Oggi vi presenterò una ricetta complicatissima, elaboratissima, piena di passaggi e di momenti di attesa, in cui si sporcherà mezza cucina e l'altra mezza sarà occupata dai vari impasti in lievitazione e a riposo...
Dove il forno deve rimanere acceso almeno 75 minuti e poi ci sono i tempi di raffreddamento e di rifinitura del dolce...
Dove poi devi fare a parte un sacco di intingoli, di intrugli e di cose varie che devono andare a completare necessariamente la ricetta, che sennò non vale.
Ma vi assicuro che ne vale la pena, in assoluto!
Guai a saltare un passaggio che potreste essere fulminati dal dio di tutti gli chef di questo e quell'altro mondo.
Guai a voi, eh!

Bene, siete pronti?
Ok, ecco che vi presento la meravigliosa, strepitosa, goduriosa ricetta del
PANE E CIOCCOLATA!




E sì, questo, secondo me, è il modo migliore in assoluto per usare la cioccolata delle uova di Pasqua...
che poi, perchè chiamarlo "riciclo", ancora non l'ho capito... insomma, ste povere uova di cioccolata arrivano sulle nostre tavole, tutte belle e infiocchettate e poi, una volta aperte già si parla di riciclo, poverette, che brutta fine: quando si dice dalle stelle alle stalle, avranno pensato forse al duro destino e al duro trattamento a cui vengono sottoposte le uova di cioccolato.
Quella è cioccolata e basta.
CIOCCOLATA. Capite?

Ecco, pensa che i Maya la consideravano quasi un'essenza divina, e noi la chiamiamo "materiale da riciclo"?!
Qualcosa necessariamente non torna, no?

Allora, basta avere del pane fresco, fragrante, croccante... il tipo di pane che preferite mangiare anche da solo...
Un bel pezzo di cioccolata ad accompagnarlo...
Mettere insieme le due cose... e via, il gioco è fatto!
Meglio se affiancato da un bicchiere di latte freddo.
Io, mi rifiuto di chiamarlo "riciclo"....
Che si può volere di più?!

3 commenti:

  1. Anch'io non ho avuto problemi a mangiarmeli uno dietro l'altro..... ;-)

    RispondiElimina
  2. Ah ah ah, riciclo in senso lato ;)
    Comunque anche qui quest'anno non ne è avanzato neppure un grammo, è già finita e ne avevamo TANTA!

    RispondiElimina
  3. Finita la cioccolata.......................troppo tardi cara..........................è finita da parechio

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...