"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

giovedì 7 novembre 2013

#iocucinoacasatua la panzanella

Ho avuto un ospite a casa che mi ha preparato la cena... bè, non esattamente nel senso letterale del termine, no... magari!
Ho partecipato all'iniziativa carinissima di Sabina del blog "Io e mio figlio": #iocucinoacasatua.
In pratica ci siamo scambiate un paio di ricette, di quelle che ognuna aveva già pubblicato sul proprio blog e le abbiamo rivisitate un po' e riproposte sulle nostre tavole.

E' come se lei fosse venuta a spadellare da me ed io da lei.
Cosa ho scelto dal suo blog? Bhè, quello che lei chiama pane condito, io lo chiamo più banalmente panzanella.
Perchè poi abbiamo scoperto di avere molto in comune io e Sabina: le radici pugliesi, che sento molto forti, pur essendo nata e cresciuta a Roma.

Ricordo quando spesso mamma ci proponeva per cena un paio di fette di pane e pomodoro accompagnate da un po' di formaggio e un frutto. Se ci pensiamo, è una cena completa, sana e semplicissima, non solo da preparare, ma anche per gli ingredienti.
Ed anche io spesso ricorro a questo tipo di cena... non soltanto per i suddetti validissimi motivi, ma anche perchè mi piace da matti.

Per i puristi del settore, aggiungo che no, non uso le friselle, anche se dovrebbero essere un "must" in questi casi, ma uso una volgarissima baguette... sì, lo ammetto, mi piace la baguette... che poco ha a che fare con la Puglia, anzi, direi proprio nulla, ma a me piace così. Diciamo che la mia è una panzanella francesizzata, va...

Ingredienti:
pane
olio evissimo!
pomodorini
sale
origano
scaglie di parmigiano reggiano

Procedimento:
Tagliare il pane, disporlo sul piatto di portata. In una ciotola mettere il pomodoro a dadini, il sale, un filo d'olio e l'origano. Amalgamare bene e disporre il condimento sul pane. Spargere poi le scaglie di parmigiano.
Buon appetito a tutti!


Se volete sapere quale ricetta ha riproposto Sabina, eccola qui... è stata bravissima!

Nessun commento:

Posta un commento

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...