"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

venerdì 6 luglio 2012

Linguaggio e consigli per la zeppola!

Loading..
Ne ho parlato un sacco di volte e ora finalmente possiamo dichiarare conclusa questa faccenda del linguaggio di Miriam.
Tempo fa, facemmo una visita dall'otorino specializzato in questo settore che ci consigliò una serie di accertamenti pro-forma, proprio per toglierci ogni dubbio.
Prendemmo in quell'occasione, appuntamento e finalmente ieri ci siamo tolti questo sassolino nella scarpa.
Il Day Hospital è stato un insieme di visite specialistiche: ecografia alle adenoidi, visita audiometrica e colloquio con una logopedista, tutto in una giornata.
Il risultato è che Miriam sta recuperando quel ritardo minimo del linguaggio che aveva, autonomamente, che è in ottima salute (ci sente meglio di noi) e che quelle imperfezioni di pronuncia che ha per alcune lettere (R, SC, C, G, Z, in una parola: c'ha una zeppola da far paura!) è solo un "difetto" meccanico, mette cioè la lingua in mezzo ai denti invece di tenerla dentro e farla funzionare appoggiandola al palato.
E' quindi presto per parlare di correzione in questo senso, proprio perchè è ancora piccola e ci sono ampi margini di recupero autonomo, come ha fatto per tutto quanto il resto.
Se proprio volessimo aiutarla a capire meglio il meccanismo, ci hanno suggerito un trucchetto semplicissimo: inventarsi una sfida e farle tenere in bocca una caramella, di quelle dure che si succhiano, e di dirle di vedere per quanto tempo riesce a tenerla ferma contro il palato con la lingua.
Una volta che accetta la sfida poi, fare in modo che dica le parole che non riesce a pronunciare bene.
In questo modo dovrebbe meglio capire la posizione corretta per pronunciare quelle lettere.

Sapevamo che il peggio era passato, ma sentirselo dire da degli specialisti è meglio, no?


13 commenti:

  1. Avete fatto bene a togliervi ogni dubbio e ben venga il gioco della caramella o tutto ciò che aiuta a migliorare, ma senza troppo affanno dato che la situazione sta andando a posto da sola...

    RispondiElimina
  2. Scusa che età ha Miriam? Il mio bimbo ad agosto farà tre anni, ancora non parla bene ma questo mi preoccupa poco perchè ha iniziato a parlare tardi, quello che mi preoccupa di più è che da un paio di mesi ha iniziato a balbettare. La pediatra dice che è presto per preoccuparsi, ma non sono d'accordo . . . forse dovrei attivarmi per conto mio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Miriam ha quasi 4 anni. La nostra preoccupazione è nata quando verso i 3 anni non si capiva niente quando parlava, ma proprio niente niente, l'unica che riusciva a comprenderla ero io e le facevo da traduttrice. La cosa ci ha allarmato perchè confrontandola con i suoi coetanei saltava proprio agli occhi la differenza... si vede che aveva bisogno di più tempo, tutto qui.
      Per il fatto della balbuzie, anche io so che è normale all'età del tuo bimbo è normale, è una sorta di coordinamento tra ciò che si pensa e ciò che si dice... non lo correggere, non sollecitarlo, non suggerirgli le parole, lasciagli il suo tempo e continua ad osservare in silenzio. Ecco quello che ti consiglio di fare. La tua pediatra ha ragione.

      Elimina
    2. Concordo con te Micaela!! Anche FiglioPig in certe fasi della crescita balbettava in modo evidente (andava a periodi!!) e la pediatra mi aveva detto che era un problema di coordinazione che si sarebbe risolto con la crescita e che non c'era da preoccuparsi. E devo dire che ha avuto ragione.... Sono contenta che anche per Melania il tempo abbia risolto tutto!! E cmq anche Jovanotti pizzica la Z.... ;-)

      Elimina
    3. MIRIAM, non MELANIA!!! Mannaggia Mamma Pig!!!! Melania è da sempre una gran chiacchierona... se non sto attenta a come parlo, vedi quel che ti combina!!!! Ma questa è tutta un'altra storia!

      Elimina
    4. Ahahahah!!! Scusami, meno male che non ho scritto Massimo!!! :-)
      baci,
      Mammapig

      Elimina
  3. leggendoti da poco non potevo sapere di questo problema però essendomi affezionata da subito alla vs. bella famiglia, non posso che essere felice di questo risvolto. chissà che peso dallo stomaco che vi siete tolti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio per la tua vicinanza...
      Diciamo che ultimamente la cosa non mi attanagliava più di tanto, vedevo con i miei occhi i progressi veloci che Miriam stava già facendo di suo, quindi sapevo in cuor mio che sarebbe andata così ieri...
      Fino ad un anno fa, invece, ero parecchio preoccupata!

      Elimina
  4. Meno male che tutto sta procedendo al meglio... Immagino che sollievo per voi ;)

    RispondiElimina
  5. Immagino la vostra preoccupazione. Vorresti rispiarmare ogni tipo si sofferenza a tuo figlio e sai che purtroppo non potrai. Questa è la difficoltà di essere genitori.
    Meno male. E' passata.
    Un abbraccio virtuale.
    Raffaella

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...