"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

martedì 21 febbraio 2012

E' arrivato Massimo

Era una sera come tante altre, una sera che preannunciava una nottata insonne, vuoi per il pancione che ormai non mi lasciava il respiro, vuoi per le bimbe che non volevano ancora andare a dormire, con gli orari tutti sballati durante un periodo di vacanza forzata a casa a causa di influenze varie e neve (a Roma, bastano due fiocchetti miserrimi di neve per mandare tutto e tutti nel panico più totale!), vuoi per le contrazioni che ogni tanto andavano e venivano senza regolarità, senza preavviso, senza neanche troppo farsi sentire, lasciandomi il dubbio: "Ci siamo o non ci siamo?!", vuoi anche la lunga e penosa convalescenza dal'influenza che mi aveva lasciato una tosse pessima, che ad ogni colpo temevo di rompere le acque e via!

Insomma tutto lasciava presagire che avremmo avuto il nostro bel da fare anche quella notte. La notte tra il 12 e il 13 febbraio.

Andiamo comunque a letto, speranzosi di un po' di riposo.

Verso l'1 cominciano le contrazioni, quelle regolari, ma non troppo dolorose, quelle che non ti lasciano dormire, perchè l'ansia di capire di cosa si tratta è troppa.

Così allerto Marco, che cerca di raccapezzarci qualcosa pure lui, già quasi in preda al panico... Quando abbiamo visto che le cose erano costanti, abbiamo chiamato i suoi genitori per raggiugerci a casa a sorvegliare le belve dormienti, così noi siamo andati all'ospedale.

Eravamo relavitamente sereni durante il tragitto, parlando del più e del meno... un paio di altre contrazioni sono arrivate forti e chiare anche in quel momento... ero quasi convinta che fossero quelle "buone".

Arriviamo lì, monitoraggio e... magia: contrazioni scomparse!

Potenza del servizio sanitario nazionale... eh! Che fortunella!

Erano quasi intenzionati a rimandarmi a casa e mi stavo pure vergognando un po': possibile che al terzo figlio sono ancora così rimbambita da non capire quando è il caso di andare all'ospedale e quando è il caso di aspettare ancora un po'!? Vabbè... pazienza... mi dispiace di aver fatto passare una nottata insonne un po' a tutti... ecco tutto.

Poi, invece di salutarmi e mandarmi a casa, dopo l'ecografia mi trattengono a causa del poco liquido amniotico, segno che c'era qualcosa che non andava proprio come avrebbe dovuto, quindi meglio rimanere in ospedale per accertamenti e per stare sotto osservazione.

Ok, rimango in ospedale e mi sento subito più sollevata, più protetta... Saluto Marco che, povero, torna a casa dalle belve per prepararle per andare a scuola, sono ormai le 6 del mattino e non ha chiuso occhio, gli aspetta una bella giornatina di via vai...

Il primo giorno passa tra accertamenti vari, ma neanche troppi eh... e qualche pisolino, insomma, niente di che.

Quando ho sentito mamma per raccontarle quanto era accaduto, mi ha risposto che anche lei non aveva chiuso occhio quella notte, perchè si sentiva "strana", avvertiva che c'era qualcosa che non andava, ma non riusciva a capire cosa... ecco che poi ha avuto la sua risposta! La telepatia delle mamme, eh!

Tutto fila liscio e abbastanza tranquillo, ogni tanto una contrazione, di quelle sceme, di quelle che non hanno senso perchè completamente sballate, perchè non ti ci fanno capire niente...

Arriva la sera.

Ecco che incalzano.

Regolari.

Sempre più dolorose.

Avverto il medico di turno.

Visitina: niente di che, potrebbe essere un nuovo falso allarme, ma anche no, attendiamo.

Ritorno al mio letto.

Comincia il travaglio.

Al buio. In silenzio. Da sola. Appoggiata al tavolino della stanza, perchè a letto non sopportavo i dolori che partivano dai reni e si irradiavano verso l'utero.

Le altre ragazze della stanza dormivano, ogni tanto mi lanciavano sguardi di comprensione, se anche loro avevano già dato, oppure di terrore, se invece aspettavano anche loro di "dare". Qualcuna mi offriva il suo aiuto, la sua vicinanza. Sono state carine.

Continuano i dolori, li cronometro.... ogni 15 minuti... poi ogni 10... infine ogni 5, sempre più intensi... da spezzare il fiato.

Avverto di nuovo l'infermiere del turno notturno, che terrorizzato all'idea che il terzo figlio potessi farlo nascere per il corridoio, chiama subito l'ostetrica e mi accompagna in sala parto...

Mi visita.

E' mezzanotte. Sono già dilatata di 3 o 4 cm. Bene!
In tutto questo ancora non avevo avvertito Marco, per paura di farlo di nuovo correre per strada inutilmente. Ma stavolta c'eravamo!!!
Per la nascita di Miriam avevamo avvertito mezzo mondo, fuori la sala parto c'era una platea infervorata e nevrotica di nonni, zii, cugini vari, che passeggiavano avanti e indietro, che consumavano caffè.
Per la nascita di Melania, erano presenti solo i parenti più stretti... i nonni, mia sorella e stop.
Per Massimo, invece, è stata una cosa molto più intima, eravamo solo Marco ed io. Non abbiamo avvertito nessuno, a parte i nonni paterni che erano con le bimbe.
Nel giro di un'oretta, vedo entrare Marco in sala parto, tutto bardato di paramenti verdi e con un sorriso magliante, stava per avvicinarsi a me a braccia aperte, ero seduta su un pallone di gomma che dondolavo avanti e indietro in preda ai dolori, gli lancio uno sguardo fulminante e gli dico, con calma e a bassa voce: "Stai fermo lì, non ti avvicinare, non mi toccare", lui si ritira nel suo angolo, diventa parte dell'arredamento, come sa che deve comportarsi in queste circostanze e risponde solo se interrogato.

Il travaglio prosegue spedito... niente epidurale manco stavolta, e che te lo dico a fà!? "Ma che vuoi l'epidurale ora che sei al terzo figlio?! Ma non lo vedi che stai andando avanti una favola da sola?! Guarda che tra poco hai finito tutto, eh, se poi fai l'epidurale rischi di rallentare le cose" e via discorrendo...

vabbè, niente epidurale... e dopo ben 3 parti non posso dire di aver provato l'ebbrezza di questa droga, porca paletta!

Ore 2.15 si rompono le acque... effettivamente non è che ci sia tanto liquido, l'equivalente di un paio di bicchieri.
Ci siamo.

Un paio di spinte.

Ore 2.27.
Eccolo. E' nato.

Me lo mettono sul petto, tutto sporco e dolcissimo.

Marco sprizza gioia da tutti i pori e ci guardiamo.

Piccolo grande tesoro, sono già innamorata persa di te!

Piccolo. Bellissimo. Con una bella vocetta limpida. Che come lo prende in braccio la neonatologa, le fa addosso un bellissimo zampillo di pipì.

2.970Kg

47cm

Dalla prima visita è tutto a posto. C'è tutto ed è sano.

Grazie a Dio!

Grazie papà!

Sapevo che sarebbe nato il giorno di San Valentino, sapevo che in qualche modo questa giornata doveva riprendere un significato nuovo, diverso, positivo, di speranza e di vita... e che non sarebbe soltato rimasta un grumo di sentimenti di angoscia, dolore e tristezza, dovuti all'anniversario della morte del mio caro papà, da dover rimandare giù in fondo all'anima per non pensarci, per non essere di nuovo stretti nella morsa della sua lunga agonia, del suo respiro sempre più flebile...

Ora non è più così.

E' una nuova rinascita.

Una nuova speranza.

Un nuovo bagliore di vita.

E' un pezzetto del mio papà che continua a vivere dentro Massimo, che avrà per sempre un angelo custode particolare e tenace.

Il nostro gladiatore, è finalmente tra noi!

34 commenti:

  1. Benvenuto piccolo gladiatore!!!! Congratulazioni a mamma e papà!!!! .... Mi sono emozionata tanto leggendo questo splendido post!

    RispondiElimina
  2. Che meraviglia! Un post bellissimo e dolcissimo. Congratulazioni alla mamma ed al papà...ed anche alle 2 sorellone! Buona vita Massimo!

    RispondiElimina
  3. Tanti tantissimi AUGURI!!!!!!
    Benvenuto ometto!!!!

    RispondiElimina
  4. Che bellissima emozione il tuo racconto.
    E congratulazioni!!!
    Mò basta però, chiudi baracca ;)

    RispondiElimina
  5. Io non ho figli e all inizio mi hai spaventata....
    Poi mi hai fatto ridere con la scena del tuo lui che fa parte dell arredamento...
    E poi mi hai commossa da morire!!!!
    Ho gli occhi lucidi!!!!
    Un abbraccio!!!!!

    RispondiElimina
  6. che bellissimo post. che meraviglia la coincidenza.... un abbraccio e naturalmente, ci vediamo presto!

    RispondiElimina
  7. Congratulazioni e tanti auguri al nuovo arrivato ;)

    RispondiElimina
  8. Bello! vi aspettavo! benvenuto massimo... avrai una vita meravigliosa con un angelo custode specialissimo!

    RispondiElimina
  9. Tantissimi auguri Massimo.
    Certe "coincidenze" fanno proprio bene al cuore.

    RispondiElimina
  10. Dolcissima nascita e coincidenza..........ci sarà sempre un legame speciale fra questi due uomini della tua vita!Auguro meravigliosa vita al piccolo Massimo e alla sua bella mamma!

    RispondiElimina
  11. Congratulazioni, trismamma! Mi sono commossa leggendo questo post, incredibile coincidenza, segno di speranza e di amore. Un fantastico regalo del vostro angelo custode.
    Auguro a te e alla tua grande famiglia ogni felicità, tutta quella che meritate! Un grande abbraccio.

    RispondiElimina
  12. mannaggia a te! mi hai fatto piangere! benvenuto Massimo!

    RispondiElimina
  13. Benvenuto tesoro! Un abbraccio a tutti.

    RispondiElimina
  14. Cara Micaela, mi hai commossa fino alle lacrime..Buona vita a te, a Marco, alle tue splendide bimbe e al nuovo arrivato Massimo!!!! Congratulazioni a tutti...ora vado a mettere il fiocco azzurro per Massimo sul mio blog!!! Mannaggia che bello, di quest'anno sono già nati tanti bambini e una nuova nascita è sempre una gioia per tutti...Vi abbraccio forte...

    RispondiElimina
  15. Evviva, complimenti !!!
    Anche io 3 anni fa giocavo con la stessa palla di gomma... Eh eh..... !!

    Buon inizio per tutto.

    RispondiElimina
  16. Congratulazioni...e un benvenuto al piccolo gladiatore!!!
    buon inizio!!!

    RispondiElimina
  17. Micaela, mi hai emozionata profondamente. A te e a tutta la tua famiglia il più sincero augurio di una vita serena e ricca d'amore. Benvenuto al piccolo Massimo.

    RispondiElimina
  18. auguri di cuore per la nascita del tuo massimo ! mi hai commossa leggendo di tuo padre e di san valentino...ancora tantissimi auguri!

    RispondiElimina
  19. Che emozione... Con Massimo, dici bene, rinasce la vita, la speranza e l'amore di chi ti ha dato la vita e l'amore. Un cerchio che gira e vi unisce per sempre, anche oltre i confini di ciò che c'è e ciò che non c'è più, ma continua a vivere dentro di te, ed ora anche dentro questo bambino. Congratulazioni vivissime a tutta la famiglia!

    RispondiElimina
  20. ti ho pensata in questi giorni... Sono felicissima per l'arrivo di Massimo e vi abbraccio!!!

    RispondiElimina
  21. Congratulazioniiiiiiiii!!!!!! Ma quindi dopo un "bovino" di 4 kg mi dici che è possibile produrre anche qualcosa sotto i 3 kg??? Rassicurante! Io sono partita con 3 la prima, 4.1 il secondo e per un eventuale terzo m'avevan fatto la battuta che ne avrei sfornato uno di 5!
    Ma bando alle ciancie e BENVENUTO MASSIMOOOOOOOOOOOOOOOOOOO!!!!!

    RispondiElimina
  22. Congratulazioni! Mi son venuti i brividi a leggere l'ultima parte... che commozione... io dico che non eravate solo tu e Marco alla nascita di Massimo!
    Un abbraccio forte, Tiziana.

    RispondiElimina
  23. Benvenuto piccoletto ! :-)
    mi stavo giusto chiedendo a che punto fossi!
    Un abbraccio alla tua super-mamma...

    RispondiElimina
  24. ho letto adesso!!!
    tanti auguri!
    benvenuto piccolo massimo e un abbraccioa te!

    RispondiElimina
  25. Anche io mi sono commossa fino alle lacrime!!! congratulazioni alla M Family e soprattutto un caloroso benvenuto alla nuova piccola M!!!! ;-) Un abbraccio

    RispondiElimina
  26. Che emozione!!! Fresca di parto anche io mi sono commossa tantissimo! Benvenuto piccolo Massimo!! E complimenti a mamma e papà, un bacione

    RispondiElimina
  27. che emozione questo post!!
    auguri e benvenuto al piccolino di casa!!
    e un augurio speciale a te tri-mamma!!

    RispondiElimina
  28. tantissimi auguriiii!!!
    e benvenuto Massimo :)
    un bacione a tutti

    RispondiElimina
  29. benvenuto Massimo....e auguri a questa bella famiglia!

    RispondiElimina
  30. Benvenuto Massimo e auguri alla mamma!!! Mi hai fatto venire certi lucciconi a leggere questo post, penso tu sappia il perche'..... loro vegliano sempre in maniera speciale, la mia Marisa ha due angeli in cielo che la proteggeranno sempre .......Un bacio, Maria

    RispondiElimina
  31. congratulazioni in stra ritardissimo, la m minuscola della famiglia sara' meraviglioso come la sua mamma, mi hai commossa fino alle lacrime!

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...