"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

martedì 1 marzo 2011

Terrible One?

Passano i giorni, le settimane... i mesi e Melania cresce in fretta, forse più in fretta di Miriam!
Siamo tutti concentrati su Miriam, sul suo comportamento talvolta difficile da sopportare e impegnativo e Melania cresce... in silenzio, quasi in sordina....
fino a quando, l'altro giorno, non me la ritrovo in piedi sulla sediolina di Miriam!
Sì, si era arrampicata prima in ginocchio e poi ci si è alzata in piedi, bella dritta e contenta della conquista fatta!
Che la possino!
Parlano dei "Terrible Two", ma ora bisognerebbe pure parlare dei "Terrible One", periodo in cui i bimbi sono alle prime scoperte, tutto è nuovo, a partire dalla loro capacità motoria a finire ad ogni possibile anfratto casalingo... tutto è un tentativo di suicidio...
Quando dice bene, ci si procura solo un bernoccolo!

Melania ha già sperimentato che quando è acceso, il forno scotta! E adesso non lo tocca più!
Uno dei suoi angoletti preferiti è dietro al tavolo dove ci sono le prese del telefono e dell'antenna... ha capito che se disinserisce quella dall'antenna, la televisione si spegne! Che bel gioco, eh!? E io che ogni volta devo prenderla di peso e portarla altrove, per poi trovarmi a rincorrerla a carponi sotto al tavolo perchè lei non si fa prendere, ovviamente, no!?
E' il periodo in cui tenta anche di mangiare da sola... ed è più la pasta che si mangia il seggiolone, il muro e tutto il circondario, che quella che finisce nella sua bocca!

E' il periodo del: "Voglio fare tutto quello che fa Miriam, come lo fa Miriam e perchè lo fa Miriam"... così, quando può, agguanta un pennarello oppure un pezzo di didò... peccato poi che finisce irrimediabilmente a infilarsi tutto in bocca e non dico che lotta per separarla dal cimelio di turno...

Insomma, o per un verso, o per l'altro, c'è sempre un gran da fare...

2 commenti:

  1. Insomma anche la piccola di casa sta iniziando a sperimentare e a conoscere l'ambiente circostante. Sicuramente avere una sorella più grande è un grande stimolo... seppur gratificante, penso che seguirle entrambe sia davvero tanto impegnativo!

    RispondiElimina
  2. Per quanto riguarda fili di tv e antenne noi avevamo messo una rete di quelle tipo da pollaio per impedire al nano piccolo di turno di andare a ravanare...ha addobbato il nostro salotto per circa 4 anni suscitando le risa di molti "passanti"...ps: qualche tempo fa una di quelle passanti con figlia di 1 anno e mezzo m'ha annunciato di aver montato anche lei la rete da pollaio in salotto...yeah!

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...