"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 2 marzo 2011

Gocce dappertutto

Piove.
E già questo, non va.
Ieri vado a prendere le bimbe al nido, e Miriam si spertica in una scenata di isterismo da manuale... si butta in terra, urla, scalcia e non mi guarda neanche in faccia.
Si calma soltanto con la sua maestra preferita, Manu.
Come lei si allontana, la scenata riprende come e più di prima.
Non riusciamo a muoverci dal nido, rimaniamo lì, io impassibile (per quanto possibile), con Melania in braccio che cominciava a stufarsi e Miriam che si rotolava sul pavimento con lacrimoni enormi e urla fino al cielo.
Si affaccia una delle ragazze del nido: "Miriam, che succede?", e io:"Vuole essere presa in braccio, ma come faccio?" e lei, prontamente, si allontana dicendo: "Tra queste dinamiche mamma-figlia non posso mettere bocca, vedetevela voi!".
TANTE GRAZIE!
E rimango lì, cercando di far ragionare Miriam, che di tutto aveva voglia, men che di ragionare.
Si riaffaccia invece Manu, la ricalma... ci riesce...
Io devo aver avuto una faccia delusa, stanca e impanicata davvero, perchè poi mi è venuta in soccorso un'altra mamma che era venuta a prendere un bimbo amico di Miriam: "Dai, ti accompagno alla macchina, mi dai Melania in braccio e tu prendi Miriam, ok?", l'avrei baciata, l'avrei abbracciata stretta stretta... allora Dio esiste! Eccone le prove! Mi ha mandato questo angelo in soccorso!
Al momento del saluto di Manu, Miriam riprende la sua scenata, ma come vede che Melania finisce nelle braccia dell'altra mamma, quasi si calma, e vuole venire in braccio a me.
E via, riesco a salire in macchina con entrambe, ringrazio tanto tanto tantissimo l'altra mamma che aveva poi notato che le urla di Miriam avevano ripreso come prima una volta in auto e mi fa segno dal finestrino di mettermi le dita nelle orecchie e di fare: "lerolerolerolerolero" a gran voce, in modo da non sentire gli strilli di Miriam... e sì, tante volte bisogna proprio fare così, che tanto neanche loro sanno quello che vogliono!
Ma è davvero frustrante arrivare al nido e partecipare a queste scene...
Guidando verso casa, mi sono accorta che stavo piangendo anche io...
E vabbè... passerà...
E' passato il pomeriggio... come Dio ha voluto, è passato...

Stamattina... altre scene di isterismo collettivo... ma in qualche modo riesco ad accompagnarle al nido, le lascio lì e scappo via.
Monto in auto e già mi pregustavo la mia bella colazione, visto pure che non ho cenato ieri sera, trovo persino subito parcheggio, ingrano la retromarcia ... e sbang!!!! urto un'altra macchina che stava passando in quel momento...
ECCHECCAZZO!
Niente, lo so... non ci sto con la testa, avrei dovuto guardare nello specchietto laterale... avrei dovuto...
Insomma, sono stata a discutere e ad argomentare varie cose, al telefono ci si mette pure Marco a farmi la tiritera del: "Non tiriamo fuori neanche una lira, non se ne parla proprio, non fare quella che subisce sempre..."
E per fortuna non si è trattato di niente di grave e solo di qualche graffietto stupido....
E' stata la vera goccia che ha fatto traboccare il vaso...
Sentirmi pure dare addosso da Marco... quello mi ha fatto crollare ancor di più... e ora sto qui con i nervi a fior di pelle e le lacrime che scendono per un niente di motivo...


... nel frattempo ha chiamato Marco, si è ridimensionato anche lui... ha riconsiderato il tutto...
il fatto è che pure lui ha alle spalle una notte insonne appresso a Melania e al suo (di lui) mal di denti...
E' un periodo difficile...

16 commenti:

  1. Un periodo difficile, momenti che passeranno vedrai!!

    RispondiElimina
  2. @Serena: è vero, passeranno... tu nel frattempo, come stai?

    RispondiElimina
  3. tamponare qualcunonei momenti di stanchezza bestiale è uno dei "must" delle mamme.
    benvenuta nel club! (e fai tre passi indietro nel bonusmalus)
    :-((

    RispondiElimina
  4. certe volte le lacrime sono terapeutiche, a me servono da valvola di sfogo...per questo passata la crisi si va avanti!

    RispondiElimina
  5. Tranquilla, dopo aver avuto due incidenti in un mese mio marito ha detto che avrebbe fatto richiesta per farmi girare con i gettoni delle macchinine da scontro invece che con la benzina!
    Capita!
    Per fortuna passa!
    Quanto a Miriam.. dicono che passa e io ci voglio credere!

    RispondiElimina
  6. Sono quei momenti in cui si concentra di tutto...passa prestissimo, vedrai, intanto ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  7. mammamia che giornatine .... quando si parla di macchine e soldi col marito poi ... e sulle notti insonni ti sono tanto tanto vicina ...

    RispondiElimina
  8. tesoro.. capita, io una volta per poco non metto sotto una che passava in mezzo alla strada uscendo da un parcheggio !! Sono momenti di stress, i figli, la pioggia incessante, tutto sembra ingestibile. Dai che passa, tra poco arriva la primavera e vedrai tutto più positivo. Ci vuole qualche chiacchiera tra amici.. anche virtuale, in mancanza di meglio ;)

    RispondiElimina
  9. @MAQ: ma davvero? Allora devo subito dirlo a Marco!

    @MMD: o mamma mia, è vero! Andiamo con quelle a gettoni, che è meglio! Per il fatto di Miriam, spero vivamente che passi presto, non ce la faccio quasi più...

    @pinkmommy: dici che mi devo aspettare anche dell'altro!?

    @Corie: facciamo a gara di occhiaie?

    Tutte: GRAZIE RAGAZZE, DAVVERO!

    RispondiElimina
  10. @Mikela: e pensare che credevo di essere l'unica rimba in circolazione!
    Altro che grossa "P" per i principianti, dovremmo metterci tutti una bella "M" per dire: "MAMMA AL VOLANTE"!!!! E, a questo punto, tutte sappiamo cosa significa, no?!

    RispondiElimina
  11. la tua amica che ti ha aiutata è stata bravissima, la maestra un pò meno...hai fatto bene a canticchiare in macchina, se non le senti quanto fanno cosi prima o poi si stancano
    a me succedeva con erika, che poi crescendo verso i 6 anni, ho fatto finta di andare via in macchina e lascaiarla la
    quando tornai sali e non roipete piu questo comportamento antipatico
    ti abbraccio forte e vedrai che tutto si sistemerà,

    RispondiElimina
  12. E' che quando capitano tutte insieme è difficile reggere e sopportare lo sconforto.
    Ovvio che passerà, meno ovvio è come tenere duro nel frattempo.
    Ti mando un abbraccio virtuale, almeno questo lo posso fare!

    RispondiElimina
  13. @Mamma Papera: quindi capricci del genere durano per anni????

    @Slela: nel frattempo... tengo duro aggrappandomi al blog, che devo fà!?

    RispondiElimina
  14. Micaela, riprendendo Mamma Papera mettiti l'anima in pace: confermo! ii capricci durano per anni!!!! ieri in macchina abbiamo sclerato anche noi...sarà il periodo...speriamo arrivi in fretta la primavera!!!!

    RispondiElimina
  15. @MammaBradipo: O NOOOOOOOOOOOOO!!!!!

    RispondiElimina
  16. Come ti capisco...mio figlio a volte non vuole salire in macchina e bisogna legarlo con la forza fra urla disumane! Almeno quando esce dal nido è contento di venire a casa e non fa storie! Per il tamponamento sei in buona compagnia, anche a me è successo quando mio figlio aveva 2 mesi e facevo tutto di corsa.

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...