"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

venerdì 4 marzo 2011

Quello che non va

E' mia caratteristica vedere il bicchiere sempre mezzo pieno, a meno che non abbia toccato i massimi livelli di sconforto, questo è vero.
E' mia caratteristica cercare di sdrammatizzare e non impanicarmi e preoccuparmi più del necessario.
Ma quando ci sono segnali di evidente allarme, allora... DEVO preoccuparmi o, per lo meno, DEVO pensarci su.
Ecco i segnali di cui sto parlando (riguardano tutti Miriam):
  1. Giocando al gioco delle faccine, mi ha fatto rilevare che spesso io sono quella arrabbiata
  2. Manu, l'insegnante, ieri mi ha detto che Miriam ha fatto un disegno che rappresenta la sua famiglia e ha disegnato me, il papà e se stessa, ma NON Melania... quando le hanno chiesto: "Miri, sicura che non manca nessuno?" più e più volte, lei con naturalezza massima ha risposto che no, non mancava proprio nessuno, quindi non tiene affatto conto della presenza della sorellina nella famiglia.
  3. Il momento dell'addormentamento serale sta diventando un VERO incubo...  e non ci sono libri e libretti che tengano, la cosa funziona temporaneamente, ma poi si ricomincia peggio di prima... da quando abbiamo abbandonato il ciuccio è davvero una lotta.
E se sono riuscita a risolvere (spero definitivamente) il momento di andarle a prendere al nido, spero ardentemente di trovare una soluzione anche a tutto il resto...
Ma è difficile e molto... soprattutto devo lavorare su ME STESSA affinchè il primo punto venga presto depennato!

28 commenti:

  1. una tata prezzolata che passi un po' di tempo con la piccola, mentre tu trascorri un po' di tempo di qualità con la più grande?
    facile a dirsi...
    coraggio!
    :-)

    RispondiElimina
  2. Quella c'è già, almeno nei momenti più complicati serali: pappe, bagnetti e sistemazioni varie...

    RispondiElimina
  3. Mi dispiace.
    Non è bello che associ la faccina arrabbiata a te, ma la buona notizia è che su questo certo puoi lavorare!
    Per la questione Melania, penso che lei abbia disegnato la sua famiglia ideale. Il fatto che sono così vicine di età le farà essere molto unite da grandi, ma è normale che ora lei lo viva come un problema. Sai cosa penso? Che abbia bisogno di spazi tutti vostri, di momenti lei da sola con mamma e papà. Approfitta quando hai qualcuno in casa per portartela in un'altra stanza e fare qualcosa di speciale con lei! Vedrai che capirà che nonostante Melania (pare brutto dirlo) la sua mamma la ama ed è disponibile a regalare a lei e solo a lei momenti bellissimi!

    RispondiElimina
  4. per quanto riguarda il sonno, devi cercare di creare un'atmosfera rilassata un po' di tempo prima dell'ora effettiva della nanna. Noi tempo fa avevamo un ottima attività defaticante: i puzzle!

    RispondiElimina
  5. @MMD: sul primo punto, infatti, devo impegnarmi! Sul disegno, spero che la tua interpretazione sia quella giusta; per quello che mi suggerisci, è vero, quando troviamo dei momenti sole io e lei (tipo durante il bagnetto) è tutta un'altra cosa... devo riuscire a ritagliare altri momenti simili...

    RispondiElimina
  6. @MMD: c'ho provato... mi lancia dietro qualsiasi cosa propongo di fare!

    RispondiElimina
  7. IL MESTIERE di mamma mica è facile...e lo sai...pazienza ...sicuramente farai il possibile per migliorare alcune cose.....per la nanna..i miei poi si sono stabilizzati da soli ..ma ce n'è voluto...per la questione del disegno la risposta è solo una: gelosia... io di solito cerco di coinvogerli entrambi nelle cose ma capita che uno sia + volenteroso dell'altro...certo il tuo "problema" è la differenza di età ma sono sicura che riuscirai a coinvolgere la grande nelle cose della piccola così la farai sentire importante...baci

    RispondiElimina
  8. @Twins: Vero, verissimo! Che poi una mamma di gemelli mi dica che il "problema" è la differenza di età, mi ha fatto ridere!!!! :o)

    RispondiElimina
  9. Io non credo che tu abbia la faccia arrabbiata, probabilmente sei un po' più tesa perchè ultimamente ci sono dei momenti di tensione che ti mettono alla prova.
    Melania sta crescendo e piano piano si prende i suoi spazi e credo che Miriam l'abbia percepito, ma non ancora del tutto accettato.
    Personalmente ho qualche dubbio sul fatto che momenti esclusivi possano essere la soluzione al problema, penso piuttosto che sarebbe necessario farle capire che la presenza della sorella non le ruba niente è piuttosto un valore aggiunto. Sua sorella c'è e ci sarà sempre.
    E' pura teoria però me ne rendo conto, perchè tra dire e fare........

    RispondiElimina
  10. @Serena: sulla tensione, hai colto nel segno. Sui rapporti tra le bimbe, ho sempre puntato alla condivisione degli spazi, dei giochi, del tempo, insomma... un po' di tutto... ma mi sa che non è la strategia vincente, anche perchè per ora la differenza di età è tale che per Miriam la sorellina è soltanto un freno, non si può fare questo, non si può fare quello... Sto ora cercando di coinvolgere Miriam nel "sorvegliare" Melania, nell'aiutarmi a badare a lei, nel farla sentire partecipe e "superiore"... non so se rendo l'idea.
    vedremo...

    RispondiElimina
  11. Ma passando del tempo solo con Miriam non corri il rischio che noti la tendenza a fare le cose senza la sorellina? Invece trovo molto bello poterla coinvolgere nel curare la sorellina. Per quanto riguarda la faccina arrabbiata non ti preoccupare, i bimbi ahimé notano tutto di noi, anche quando cerchiamo di nascondere dei momenti di tensione che stiamo vivendo.

    RispondiElimina
  12. concordo con quanto detto da Serena...conoscendo la situazione un pò più da vicino , non si può certo dire che a Miriam manchino attenzioni, è PROPRIO IL CONTRARIO!! Nonni e genitori in primis dedicano tempo, attenzioni e coccole quasi esclusivamente a lei e , secondo me , è proprio questo il problema! non dico di escluderla ma allora come si spiega che al nido non fa le stesse scenate di isterismo? lì le maestre non possono e non devono stare a sua completa disposizione...Melania in tutto questo è davvero un angelo, sta crescendo praticamente da sola, rinunciando, suo malgrado, a tutte le attenzioni che la prima figlia ha avuto e sta continuando ad avere.io non ritaglierei altro spazio per lei...deve capire che c'è anche Melania, importante tanto quanto lei, e se adesso per lei è un freno tra poco tempo non lo sarà più...basti dire che tutti i giocattoli sono i suoi, se qualcuno porta qualcosa, lo porta a lei e che la casa è tappezzata di sole SUE foto...in tutto questo Melania dove è?

    Zia Mariolla

    RispondiElimina
  13. @Lizzina: infatti quello è il mio timore, per questo ora sto adottando la strategia del coinvolgere in maniera attiva Miriam nel curare Melania. Ma anche in questo, ci vuole una bella dose di pazienza!
    E sulle facce arrabbiate... considera che ultimamente neanche mi sto impegnando tanto nel nasconderle... proprio mi spuntano fuori e neanche me ne accorgo!

    RispondiElimina
  14. @Mariolla: A Mariolì, qui spunta fuori il tuo essere secondogenita, o sbaglio!? :o) Comunque hai ragione, Melania sta crescendo da sola e i miei sensi di colpa per questo fatto si sentono parecchio e non mi fanno stare affatto serena.
    Riguardo le foto... devo trovare il tempo di stamparle... te pare facile!?

    RispondiElimina
  15. Mi dispiace ma io penso che l'unico modo perché Miriam accetti Melania è che Melania non sia onnipresente nella sua vita! Deve poter fare giochi senza la sorella, deve poter giocare con la mamma senza la sorella. Anche farsi aiutare.. non so.. lei è piccola ha bisogno di giocare e non di fare la mamma!Scusate il fervore, ma visto che ha fatto capire chiaramente che ha un problema, bisogna cambiare strada!

    RispondiElimina
  16. Non avevo letto il post della zia. Se Miriam ha già quello che dico io, allora non so.
    Ma se le attenzioni di cui parla Mariolla, sono del tipo "caghiamo lei così non si ingelosisce" non è quello che intendo io!

    Il problema Melania è lo stesso, mi ripeto: ci vuole una persona che tenga una bimba mentre TU stai SOLA con l'altra. Vale per entrambe!

    RispondiElimina
  17. e proprio perchè tu sai come l'ho vissuta io che dovresti capire meglio la situazione!(che tra l'altro a me era solo "velata"...)

    invece di scrivere sul blog ogni 2 minuti, stampa una foto ;-) (non è necessario che sia su carta fotografica, va bene anche sgranata,in bianco e nero oppure te la fai stampare da tuo marito non credo sia questo un problema...)

    Mariolla

    RispondiElimina
  18. @Mariolla: beh, ma deve avere il tempo per sceglierla!

    RispondiElimina
  19. @MMD: ..e certo, non ci avevo pensato...questo potrebbe si far perdere tempo! (considerando che nella maggior parte delle foto c'è Miriam...)

    RispondiElimina
  20. @Mariolla: perché non fai una bella sorpresa a tua sorella e le stampi una foto di Melania (sono sicura che ne hai anche tu, sul tuo pc, no?) formato poster e gliela porti già incorniciata? Questo si, sarebbe una sorpresa e allevierebbe il suo senso di colpa senza appesantirla di una cosa in più da fare!
    Scusa se ti dò del tu e se mi rivolgo a te con certe proposte e certi toni, ma penso che se qualcuno può semplificare la vita di Micaela, DEVE farlo!

    RispondiElimina
  21. zia Mariolla ti conosce bene ma in difesa di Micaela sulle foto posso dire che io sono ferma all'album dei due anni e mezzo - ora ne hanno 4 - e quando ho fatto il conto delle foto da stampare mi viene il sudore freddo solo a portarle dal fotografo :)

    RispondiElimina
  22. Mariolla mi semplifica la vita in un sacco di modi e tantissime volte, certo... e d'altra parte non è la prima volta che mi fa rilevare la mancanza di una foto di Melania in casa...
    spero di sopperire presto a questa gravissima carenza... in qualche modo, ancora non so come, ma lo farò.

    RispondiElimina
  23. spero che il mio commento non ti dispiaccia

    allora ieri sera michelle dopo una crisi mi ha detto
    io sono molto triste
    la mia famiglia è distrutta
    RIVOGLIO LA MIA FELICITà
    una volta mi prendevi in braccio tante volte (ti ho pensata sai)

    e poi piangendo proprio di gusto e con il musetto a picchi mi ha detto
    perchè tu non mi vuoi piu bene
    e insiesteva anche quando le dicevo non è vero
    inutile negarti
    quando io mi sia sentita pienamente inadeguata proprio lei
    ma perche ha detto questo?

    questo per farti capire quanto ti capisco
    ti abbraccio forte

    RispondiElimina
  24. io sto vivendo la stessa situazione, anche se piano piano ne stiamo venendo a capo. Ci vuole tanta pazienza, con Sofia abbiamo trovato insieme alle maestre una chiave di lettura che è quella di darle qualche responsabilità in più.
    Molto dipende da noi mamme perchè la gelosia è nei nostri confronti.
    Vedrai che passerà, per ora meglio mantenere i nervi saldi!

    RispondiElimina
  25. ciao scusa se mi inserisco per una cosa diversa... ti potrebbe interessare...ho scoperto che ci sono dei sconti da Feltrinelli...io sono andata alla Galleria Sordi...ho scritto un post pochi minuti fa. ciao

    RispondiElimina
  26. non so che dire,ogni situazione è diversa. Per quanto riguarda il primo punto, ti capisco, capita anche a me.. sono sempre io quella che si arrabbia più spesso, d'altra parte la gestione dei figli è soprattutto mia, quindi...

    Per il rapporto tra loro però darei tempo al tempo. I miei maschi hanno 14 mesi di differenza, non ho avuto particolari problemi di gelosia e forse sarò stata fortunata. Credo che il grande non abbia proprio vissuto come un trauma l'arrivo del fratellino, era talmente piccolo... d'altra parte facevamo le cose di sempre, tommaso era talmente tranquillo che infilato in un marsupio nemmeno si notava ;) Però non ho mai cercato di rendere partecipe samuele nelle cure del fratellino, piuttosto ho iniziato presto a trattarli da "pari"... non so se sia giusto o meno, ma per me era comodo così e loro sono diventati molto presto complici e affiatati. Ti auguro di trovare presto la tua soluzione, nel frattempo non ti ci ammalare per il disegno di tua figlia... non gli darei troppo peso. D'altra parte la piccola ancora è piccola per essere la sua compagna di giochi, migliorerà

    Un abbraccio.

    RispondiElimina
  27. Mannaggia mi dispiace! so che è poprio brutto quando si ha l'impressione di non essere come si vorrebbe con i propri figli.
    Però ricorda che lei è ancora piccina, che la gelosia mostrata in modi non sempre canonici e fisiologica, anzi guai se non ci fosse!
    E soprattutto ricorda che passerà!
    Coraggio fai tanti sorrisi prima di tutto a stessa!
    e quando puoi passa da me che ti ho lasciato un piccolo premio!

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...