"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 19 gennaio 2011

Omeopatia. Si o No?

E' questa la domanda che mi attanaglia da un po' di tempo.
La causa, ovviamente, è il continuo ricadere in febbri, tossi e compagnia bella delle bimbe e la conseguente assunzione di antinfiammatori, antiepiretici e antibiotici a fiumi.
La cosa comincia a preoccuparmi...
Voglio dire: non è che le sto avvelenando con le mie stesse mani dando loro tutte queste medicine? Non è che poi alle lunghe il loro fisico si indebolisce e poi l'assunzione di tali farmaci diventa indispensabile per loro, perchè non riuscirebbero a reagire da sole diversamente?
Ecco... è questo il dubbio di fondo.
Quindi, mi guardo intorno alla ricerca di informazioni, di alternative.
Così ecco che sento il parere di mamme votate ai rimedi naturali e alle medicine alternative, tipo l'omeopatia, appunto.
Se qualche tempo fa mi avessero detto che poi sarei stata proprio io ad informarmi e a cercare di addentrarmi in questa materia, avrei riso in faccia al mio interlocutore dicendo: "So' scemenze da fricchettoni, figuriamoci! Mica vado in giro sbandierando l'amore libero e con il simbolo della pace dipinto sulle tette io! Lasciamo le mode new age a chi ha voglia di perdere tempo, basiamoci su dati concreti e veri!".
Infatti.
Non ho del tutto abbandonato quel punto di vista, nel senso che guardo ancora con scetticismo l'omeopatia e tutti i riti ad essa collegati (non bisogna toccare i granuli con le dita, nè con oggetti metallici, altrimenti perdono di efficacia... boh!).... però.... però ora mi incuriosisce.
Sarà che in tanti ne declamano i benefici e la risoluzione a tutti i propri mali.
"Da quando seguo l'omeopatia, non voglio dirlo, ma la bimba non si è più ammalata..."
"Da quando non gli dò più antibiotici... è rinato!"
Insomma... fanno pensare...
Dico, ma sono io una mamma degenere che vuole a tutti i costi avvelenare le proprie figlie?
Però... però...
Se poi mi affido ad un incompetente?! (e se ne sentono tante in giro di questi tempi!)
Se poi si va incontro a mali peggiori, perchè non curati bene i sintomi iniziali?
C'è persino chi si cura da solo, dopo aver letto quei manualetti che si trovano in libreria... sta cosa poi è da matti!
Sfido io a curare le bronchiti a forza di succhiare pallini... !!!!!
Non saprei.
Sono disorientata e preoccupata.
Vorrei poter trovare una soluzione.
Ho anche richiesto al mio pediatra, di cui ho piena fiducia, il suo parere in merito.
Mi ha spassionatamente detto: "L'omeopatia è validissima. Ma non per bambini al di sotto dei 6 anni il cui sistema immunitario non è ancora completo, sarebbe del tutto inutile nonchè dannosa, dal momento che non curerebbe un bel niente."
E anche questo è logico, no?
Insomma... sono qui che continuo a googlare.
L'omeopatia non si basa su alcunchè di scientifico. Non ci sono studi accreditati che ne dimostrino l'efficacia. Il principio su cui si fonda è quello di curare il sintomo stimolando l'organismo a reagire da solo e non sopprimendolo, come fa la medicina tradizionale. Ma, analizzando i farmaci omeopatici, di principio attivo ne contengono davvero poco, un quantitativo quasi irrilevante.
E qui possono partire disquisizioni in merito alla bontà di questi studi... ci saranno sicuramente degli interessi economici dietro e via discorrendo...
Possibile che ci sono famiglie intere che si curano solo con l'omeopatia e va tutto liscio?
Si tratta di fortuna? Si tratta di qualcosa di vero? Non saprei.
E' pur vero che se devi continuare ad assumere pilloline zuccherate ogni 15 minuti per 3 giorni per curare un raffreddore, non puoi venirmi a dire che ti è passato grazie all'omeopatia... ti è passato perchè si sa che il raffreddore dopo 3 giorni, passa!!!!

Sto cercando di mettere in ordine le idee.
Intanto, stamattina Miriam ha terminato il suo ennesimo ciclo di antibiotici.

13 commenti:

  1. Allora, noi non ci curiamo solo con l'omeopatia però la pediatra di Tia è molto orientata alle cure naturali. Ogni anno da settembre a marzo gli fa prendere dei granuli (1 volta alla settimana) e delle fiale (2 o 3 volte a settimana) e, ti dirò, il piccolo si ammala (questo inverno ha preso la scarlattina ed il virus intestinale) ma guarisce molto velocemente. Per la scarlattina è stato malino un paio di giorni (e comunque ha preso l'antibiotico), per il virus intestinale è stato male solo 1 giorno. Adesso non so se dipenda dalla cura omeopatica che fa, ma ha davvero dei tempi di ripresa molto rapidi. Persaonalmente penso che, comunque, le medicine normali a volte siano necessarie.

    RispondiElimina
  2. Non hai mica lanciato un tema da niente...
    Io sono piuttosto scettica sull'omeopatia, perchè non ha fondamento scentifico, nessuna prova di efficacia e per il fatto che il principio attivo del farmaco è "diluito" ennesime volte.
    Per carattere (insicurezza di fondo) e per cultura preferisco utilizzare farmaci tradizionali anche per la mia piccola, tenuto conto che della pediatra mi fido e sono sicura che se potesse evitare lo farebbe.

    RispondiElimina
  3. @Lizzina: e chi ti dice che si è ammalato di meno grazie a queste cure preventive? Chi ti dice che se non le avessi fatte sarebbero andate diversamente le cose? boh... sono qui per riflettere con voi, eh... mica per fare polemica, sia chiaro!

    @serena: è il mio stesso punto di vista... solo che ho come la sensazione che si ammalino davvero troppo spesso (soprattutto Miriam) e che fare un ciclo di antibiotici al mese (come media!) mi pare un'esagerazione!

    RispondiElimina
  4. Capisco il tuo punto di vista, ci sono dei momenti in cui si entra in un loop terribile e si va avanti a cicli di antibiotici...però per il momento non riesco a fidarmi totalmente come farmaci omeopatici

    RispondiElimina
  5. A me personalmente non piace molto l'idea dell'omeopatia, che è simile a quella dei vaccini.
    L'ho sperimentata su di me, qualche hanno fa, e non mi ha aiutato minimamente.
    So di tanta gente che la utilizza con successo, quindi probabilmente qualcosa che funziona ci deve essere.
    A me intriga molto di più la fitoterapia, ma non conosco nessuno specialista, e di sicuro non mi piace il fai-da-te in erboristeria.

    RispondiElimina
  6. @Slela: sono completamente ignorante in materia... ma anche la fitoterapia mi suona fricchettonissima!!!!

    RispondiElimina
  7. cara, hai appena elencato i miei dubbi in entrambi i sensi, con Biagio da quando è nato abbiamo sempre dato antibiotico almeno una volta al mese ha avuto problemi alla nascità relativi al fatto che ha ingoiato il liquido amniotico e cio gli ha causato una polmonite, da li ad oggi, quasi un anno, ha gia fatto 2 polmoniti e 10 broncholiti....quindi antibiotico e aerosol, ma il mese scorso ho tenuto botta, sono stata dura, con tanti sensi di colpa che non hai idea per con un solo giorno di aerosol perchè proprio non respirava e lavaggi nasali, ho tenuto a bada comunque
    anche io come te stavo pensando se affidarmi all'omeopatia, ma mi fa molta paura, dell'ignoto, quindi come te ho questo dilemma che mi assale....se provi fammi sapere ^_^ come ti sei trovata?

    RispondiElimina
  8. Non sono un'esperta, ma la fitoterapia è già nella vita di tutti i giorni. Banalmente il salice nell'aspirina, o i mirtilli per la circolazione, o la camomilla per calmarsi...
    E' semplicemente usare le piante per guarire o star meglio.

    RispondiElimina
  9. Ti stavo scrivendo un commento talmente lungo in risposta, che ho deciso di farci un post:
    http://mammapig.blogspot.com/2011/01/di-malanni-e-asilo-nido.html
    Forse sono andata un po' fuori tema (quindi non troverai una risposta sull'omeopatia) ma ho preso spunto per parlare della nostra esperienza "malanni" durante il periodo del nido.

    RispondiElimina
  10. @Mamma Papera: è proprio nel caso di infezioni serie che l'omeopatia non mi convince affatto!

    @Slela: grazie per la spiegazione! Quante se ne imparano ogni volta!!!!

    @Mamma Pig: sì ho letto, grazie!

    RispondiElimina
  11. Ciao!! io ti posso riportare la mia esperienza: DERMATITE ATOPICA peril monello. Ha cominciato a 6 mesi con l'arrivo dei primi denti e il pediatra mi aveva detto di usare il cortisone, ok passava poi ritornava, avrei dovuto fargli impacchi su tutto il corpo, così mi sono affidata ad un omeopata. All'inizio è stato un disastro, perchè non è vero che l'omeopatia non ha nessun effetto collaterale, in certi casi hai una prima reazione di sfogo e poi la guarigione. Così sono stata sul punto di abbandonare, poi il migioramento. Ora per il monellobasta un po' di crema idratante delicata per fargli passare la secchezza...Quindi ha risolto. Altro caso, la febbre grazie a prodotti omeopatici riesco a tenergliela bassa. Io mi trovo molto bene, ma soprattutto ho trovato un buon medico che mi segue, che è la cosa più importante per malattie più serie. CIAO! Vale

    RispondiElimina
  12. Micaela due anni fa, il primo anno di nido, non prendeva niente e, quando si ammalava, ci metteva poi una vita a riprendersi. Negli ultimi due in uno o due giorni al massimo si riprende bene ed in più questo inverno e lo scorso non ha avuto il minimo segno di raffreddamento. Magari è solo un caso, o magari è l'omeopatia... chi può dirlo...

    RispondiElimina
  13. Mah, anche io sono molto perplessa, tanto che sono arrivata alla conclusione che non ci credo affatto. Non sono mai riuscita a provare davvero, ma penso che in effetti l'omeopatia sia come aspettare di guarire da soli. Alcuni mi dicono che da quando i figli fanno la cura per sviluppare il sistema immunitario si ammalano meno... poi scopri che hanno quell'età per cui si ammalerebbero meno comunque. Alcuni dicono che i figli non hanno mai preso antibiotici: neanche tommaso e marta(7 anni e mezzo e due anni) ne hanno mai presi, ma è stata pura fortuna, semplicemente guariscono bene da soli e io non gli do praticamente niente, a parte tachipirina se la febbre sale troppo. Insomma, non saprei, però dall'esperienza di chi usa omeopatia intorno a me non ho visto davvero segni inequivocabili della sua efficacia.

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...