"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 19 gennaio 2011

Miriam: il corso di musica e la sua testardaggine

Dopo aver saltato il primo incontro di musica con il metodo Gordon al nido a causa della febbre, finalmente ieri Miriam ha seguito la sua prima lezione ed il risultato è stato davvero positivo. La sua educatrice mi ha detto che lei risponde benissimo agli stimoli e forse questo l'aiuterà anche nel parlare, visto che è pigra e testarda peggio di un mulo.
Talmente testarda che ieri, pur di non chiedere espressamente il pane, le ragazze non gliel'hanno affatto dato, dicendole che finchè non dice la parola "pane", che, fino a prima delle vacanze natalizie diceva tranquillamente, non glielo avrebbero dato. Lei, di tutta risposta ha incrociato le braccine, ha messo il broncio e si è ammutolita.
Sarà testardaggine? Sarà che si è offesa?
Sta di fatto che mi hanno redarguito perchè gliene dò troppe vinte e non la stimolo a sufficienza, di conseguenza lei si impigrisce e non si sforza più di tanto.
Che il linguaggio non sia il suo forte, lo si sa... da parecchio infatti parlo del miriammese come una lingua incomprensibile e strampalata... ma, nonostante tutto, ultimamente di progressi ne ho riscontrati parecchi.
Ok, mi impegnerò ad essere ferma e decisa un po' più spesso... anzi, un po' e basta, visto che non lo sono affatto.

A questo, poi, va aggiunto che le suddette educatrici mi hanno anche informato di cercare di toglierle il vizio del ciuccio quanto prima e di spannolinarla pure, visto che da settembre frequenterà la materna e lì non è che sono poi così indulgenti...

Fanno presto a parlare loro!!!!!
Miriam di per se farebbe pure tutto quanto all'istante... è che, molte volte, vedendo Melania, ritorna indietro e pretende lo stesso trattamento, quindi: uso del ciuccio, pannolino, essere imboccata, stare in braccio... etc...
Ecco cosa.
Inoltre, è stata assente dal nido per un periodo di tempo abbastanza lungo (quasi un mese) in cui è stata malata e viziata da me e dai nonni... senza seguire regole ferree e cercando di accontentare ogni sua richiesta...
E a questo va anche aggiunto il mio senso di colpa di stare lontana da loro per tutto il giorno, quindi per quelle poche ore serali che ci rimangono per stare insieme, non mi va di dettare leggi severe, di farle piangere e frignare... voglio solo coccolarmele...
Ma, a quanto pare, non sto facendo esattamente il loro bene... anzi...

11 commenti:

  1. Guarda io dall' alto della mia esperienza ( tre Figli ) ti posso dare qualche suggerimento: il primo dei miei figli fino a 2 anni e mezzo parlava il minimo indispensabile e io mi vergognavo pure un po', poi all' improvviso ha iniziato a parlare e non ha mai più smesso un attimo quini ok stimolare ok correggere ma non pretendere troppo , come tutte le persone avrà i suoi ritmi e arriverà....L' argomento pannplino è forse un po' più complesso e va affrontato con calma perchè secondo me quando si inizia non si puo' tentennare e poi questo tempo non è sicuramente il massimoper stare mezzi svestiti con i pantaloni sempre bagnati . La mia piccola ha 2 anni e 2 mesi noi abbiamo comprato il vasino e qualche pannolino mutandina ma per adesso giochiamo solo direi che affronteremo l'argomento in primavera estate.E il ciuccio si cercare di limitarlo ma si puo' chiedere a una bimba di 2 anni di lasciare il ciuccio , parlare correttamente e togliere il pannolone il tutto contemporeanamente...Coraggio armati di pazienza e buonsenso (verso le maestre )e mille auguri !!!!

    RispondiElimina
  2. Mia cara, la parte finale di questo post mi pare di averla scritta a me...il fatto di dargliele troppe vinte, il ciuccio ecc...
    Non essere coinvolti dal punto di vista affettivo permette una visione più distaccata delle cose, ma anche più critica.
    Insomma di sicuro le educatrici hanno colto nel segno, ma tra il dire e il fare....
    Il ciuccio per esempio lo toglierò quando sarò decisa a soffrire anch'io. In inglese ciuccio si dice pacifier e per me, prima che per la Ciopo lo ammetto, è proprio un calmante, sapere che con il ciuccio si calma, mi da sicurezza, ah! le mamme di oggi!

    RispondiElimina
  3. @Eli-betta: la tua esperienza mi conforta. La tua piccola e la mia grande in pratica hanno la stessa età!!! Seguirò i consigli...

    @serena: è vero... sono io che non mi sento ancora pronta! altro che!

    RispondiElimina
  4. Cara Michy se non sei pronta, fai come me, aspetta! ;-)

    RispondiElimina
  5. Andiamo per gradi...Miriam ha 2 anni e 3 mesi, che sia testarda è un dato di fatto e dipenderà dal suo carattere, per il linguaggio ti consiglio di leggerle molti libretti e magari commentarli assieme sforzandola a parlare, a raccontare (anche il suo miriammese va benissimo, vedrai che piano imparerà!!!).
    Riguardo alla materna: hai detto bene, ci andrà a settembre...tra 8 mesi...sai quante cose potrà imparare Miriam in 8 mesi???? Il pannolone per quanto ti riguarda lo potrà togliere anche il giorno prima! E' giusto provare a proporglielo ma non accanirsi troppo per non ottenere l'effetto contrario! Fratellino ha tolto il pannolone a giugno ed è entrato a scuola a settembre...il ciuccio l'ha tolto ad ottobre! Ogni cosa a suo tempo quand'è stato il momento!
    Io sono insegnante alla materna e ti posso garantire che ci sono bambini di 4 anni che usano ancora il ciuccio (a casa anche bimbi di 6...) ed altri che si esprimono ancora con difficoltà!
    Non ti abbattere e non essere troppo severa con lei, sono convinta che si ottengano più risultati con la dolcezza e le coccole che non attraverso i ricatti!

    RispondiElimina
  6. Il senso di colpa, per un motivo o per un altro, è un fattore comune a noi mamme, ma facciamo che in questo caso lo mettiamo proprio via? Sicuramente negli ultimi tempi la solita routine per Miriam è andata a farsi benedire, ma non vuol dire che ci siano delle conseguenze negative...manca un sacco alla materna, un mese per un bambino è un sacco di tempo, figurati otto (io spannolinai gnometto a maggio, anche se cominci quest'estate - anzi col caldo è meglio!- hai tutto il tempo!) Ha ragione mammabradipo, ogni cosa a suo tempo! Un bacio!

    RispondiElimina
  7. @Mammabradipo: dove dobbiamo trasferirci per avere te come insegnante alla materna?

    @pinkmommy: è vero... avete ragione... il fatto è che mi hanno pressato con tutte quelle cose che mi sono lasciata impanicare senza analizzare la situazione obiettivamente... manca ancora un sacco di tempo!

    RispondiElimina
  8. La verità come sempre sta un po' nel mezzo.
    Devi darle i suoi tempi sia per parlare che per spannolinarsi e hai tutto il tempo di farlo da qui a settembre, ma è vero pure che un po' sono pigri e cercare di invogliarli un po' non guasta.
    Anche con Filippo la sua insegnante di riferimento al nido ingaggio una sfida del genere era un anno fa, aveva 17/18 mesi e lei mi disse, da oggi in poi niente più acqua finché non dice acqua. E io che l'ho odiata e poi ho pensato che non avrei mai ringraziata abbastanza perché da allora Filippo ha iniziato a parlare e non ha mai più smesso!!!
    Ma, I BAMBINI NON SONO TUTTI UGUALI e quello che ha funzionato per Filippo non è detto che funzioni per Miriam, anzi. Da quello che racconti, lei ha un bel caratterino e difficilmente riesci a smuoverla se la sfidi.
    Devi trovare un modo diverso di spronarla, forse proprio "sfruttando" Melania. Puoi dirle che lei è grande e deve dare il buon esempio alla sorellina, dille che se impara a parlare, spannolinarsi, togliere il ciuccio, insomma a fare le cose come i grandi, tu le lasci dare la pappa a Melania, vestirla, cambiarla, sgridarla se fa cose che non si fanno... Insomma potrebbe complicarti le cose per un po'.. e povera Melania, ma secondo me potrebbe funzionare!

    RispondiElimina
  9. @MMD: hai colto nel segno! Se la prendi di petto e la sfidi, con Miriam ottieni l'effetto contrario!!
    Cercherò di spronarla come mi dici... vedremo...

    RispondiElimina
  10. Ahahah!!! Provincia di Trento, troppo lontano??? Per di più non ho ancora il posto fisso quindi cambio scuola continuamente, sarebbe un po' un macello venirmi dietro!!! :D

    RispondiElimina
  11. ma gia' ti hanno detto di spannolinarla? non e' un po' presto? Marisa fa due anni adesso e non e' per niente pronta, lo dice solo dopo che l'ha gia' fatta......
    In fatto di testardaggine, cerca di essere ferma anche tu....... Marisa certe volte e' talmente cocciuta che la devo prendere alle spalle e sollevarla di forza, e ora non e' piu' tanto facile. Ma e' solo capriccio da parte sua! Anche io mi sento in colpa perche' ci passo poco tempo, ma se comincio a dargliele vinte quel poco tempo diventa un inferno ed e' peggio per tutti quanti..... :)

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...