"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 1 dicembre 2010

La principessa di Papo

Ieri sera, come sempre, Marco rientra a casa accolto dai baci e dai sorrisi delle sue piccole e miei, ovviamente, visto che finalmente arrivano rinforzi in casa dopo qualche ora di vero delirio, mi verrebbe di saltare di gioia quando sento le chiavi che si infilano nella toppa della porta e lo vedo rientrare!!
Insomma... Miriam sa che quando rientra il suo Papo, lei si deve andare a lavare i denti e si deve preparare per la notte e non vede l'ora di andare ad allagare il bagno con tutti i suoi sputazzi ed esperimenti con il dentifricio insieme al suo Papo... così che fa? Per accelerare il processo di svestizione del suo Papo, notoriamente lento manco fosse un bradipo drogato e zoppo, dopo averlo abbracciato e sbaciucchiato ben bene, corre in bagno dove sa che stanno le pantofole del suo adorato Papo, le prende, corre da lui che sta ancora sulla porta con tanto di giubbotto ancora addosso muovendosi come se stesse alla moviola e gliele porta tutta amorevole.
Ovviamente Marco quasi si commuove (cosa che ha ulteriormente rallentato i suoi movimenti, quindi si può affermare quasi con certezza che è rimasto immobile per diversi istanti che in certi momenti sembrano essere un'eternità, visto che intorno a lui succede il finimondo) e riesce a dire: "Bella di papà!"... non ha capito che quello era un segno per dire: "A Papà, e datte 'na mossa!!!!".

5 commenti:

  1. ma che dolce! lei che aspetta il papà e lui che quasi si commuove...
    e che ci vuoi fare, sò uomini, non sono svelti e multitasking come noi, che quando ci emozionamo per qualcosa che fanno le creature intanto carichiamo la lavatrice prepariamo il bagnetto e passiamo il mocio ;)

    RispondiElimina
  2. ha ha! Che bello! Comunque qual sentimento di sollievo e felicità lo provo anch'io quando finalmente alla sera arriva a casa mio marito. Anche se questo non significa certo riposo per me, perché devo iniziare a preparare da mangiare, la tavola, ecc. Ma appena entra gli consegno il pupo e delego l'accudimento a lui.... Dopo una giornata intera la cosa si fa pesantina!

    RispondiElimina
  3. Dolcissima!
    Qualunque papà,aldilà del messaggio intrinseco, non riuscirebbe a non commuoversi di fronte a scene simili...
    Io invece, da quando Lorenzo ha imparato a dire la parola "sbrigati", non posso nemmneno far finta di non capire:-))

    RispondiElimina
  4. Il fatto è che anche Miriam è una donna e se pur piccina ha già imparato come si fa a: 1) conquistare un uomo, 2)passare dalle parole ai fatti!!!

    RispondiElimina
  5. @pinkmommy: sì, davvero dolce... quando poi ho provato a pensare come lei e a mettermi nei suoi panni, ci ho visto pure della diaboleria, eh!
    @R: è vero, dopo una giornata è pesante e quando vedi i rinforzi, ti sembra di cominciare a vedere la luce in fondo al tunnel!
    @France: ah ecco... quindi fate FINTA di essere lenti, eh!?
    @Serena: Hai colto in pieno l'essenza di questa piccola donna!

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...