"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

venerdì 13 febbraio 2015

I pensieri di questa sera

Eccomi qua.
La sera prima del 14 febbraio sto così: un misto di sentimenti tra loro stridenti si affollano nel mio animo e non so dare loro la precedenza e il giusto spazio.
Sono qui, alle prese con gli ultimi preparativi per la festa di compleanno di Massimo di domani, intenta a cuocere torte, preparare festoni e sistemare un po' in giro.


Poi mi fermo.
In casa è calato il silenzio, i bimbi dormono, ascolto il loro respiro.
E rimango con i miei pensieri.
Provo a rimetterli in fila, a dare loro un senso, ma non ci riesco.
E come non riesco a gestire la mia mente, allo stesso modo non riesco a gestire le mie sensazioni.
Sono emotivamente instabile: un momento sono felice tanto da scoppiare, un istante dopo sprofondo nel ricordo di quei momenti interminabili di buio, un momento mi sento forte come un leone, il momento dopo mi sento impaurita come un pulcino, prima sono roccia, poi sono sabbia, prima mi sento onnipotente, poi mi sento incapace di fare qualsiasi cosa da sola.
Una pazza: tra la gioia di esser diventata mamma in questa lunga notte, per la terza volta, di un bimbo meraviglioso e che mi riempie gli occhi, il cuore e la vita ed il dolore di aver perso mio padre, in questo stesso giorno, un vuoto incolmabile, un'assenza spietata, che ancora brucia.
Orgoglio e paura.
Completezza e mancanza.
Felicità e tristezza.
Vertigini di euforia e di dolore.

Due uomini, un solo giorno per nascere e per morire.
Due dei miei tre uomini più importanti. E il terzo è l'anello di congiunzione tra loro. Marco. Colui che ha accompagnato mio padre nel suo ultimo viaggio, donandogli serenità e grazia e colui che mi ha aiutato a mettere al mondo nostro figlio, donando a me coraggio e serenità, la stessa. Nello stesso giorno.

Amore e Amore.
E' questo che asciuga le mie lacrime ora.

4 commenti:

  1. Pensa che bel regalo ricevere tuo figlio lo stesso giorno in cui un altro uomo cosi importante per te era volato via, come se un filo invisibile legasse questi due amori infiniti a te. E anche se è dolceamaro questo giorno è un giorno speciale.

    RispondiElimina
  2. Auguri al tuo piccolo uomo e una preghiera a chi hai amato e fai vivere attraverso il tuo dolce ricordo.
    un bacio ♡

    RispondiElimina
  3. Cm ti capisco. Ho perso mio papà poco dopo la nascita dello gnomo. ....ti abbraccio. Anna

    RispondiElimina
  4. La vita e' gioia , dolore, amore, tristezza, paura e sconforto, felicità' e rabbia....si potrebbe andare avanti così' all' infinito...ma quello che rende davvero intensa la vita e' viverla...in pieno. Ti abbraccio, miro'

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...