"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 31 luglio 2013

Se fossi al mare...

Se fossi al mare...
sarebbe a quello che considero il "mio mare", quello del Gargano, quello dove sono cresciuta, dove ho trascorso la mia prima infanzia, dove ho imparato a nuotare, a giocare, a pescare telline, ad acchiappare granchi, a mangiare cannolicchi crudi...
Se fossi al mare, sarei proprio lì, dove ritrovavo i miei parenti che non vedevo dall'anno precedente, dove vedevo i miei genitori, finalmente, rilassarsi dopo un anno di fatiche e routine frenetica e sdraiarsi al sole o giocare ad interminabili partite a carte, dove sentivo le battutine di papà nei confronti di mamma, dove sentivo le risate di mamma con le mie cugine grandi, dove loro sfoggiavano parei di tutti i colori e la sera si truccavano per uscire ed io non vedevo l'ora di diventare grande anche io per diventare bella come loro! ... con quei rossetti e quei tacchi alti.
Dove giocavo tutto il santo giorno con mia sorella e dove si era costrette a fare il pisolino pomeridiano! (magari mi ci costringesse qualcuno adesso a farlo!!!!)

Se fossi al mare, sarei al mio mare, dove l'aria era talmente calda e salmastra da rimanerti attaccata addosso anche dopo la doccia.

foto presa da pinterest

... dove le case sono tutte basse e talmente bianche da abbagliarti durante il giorno, e da continuare a fare luce anche di notte.
Se fossi al mare, sarebbe lì... dove l'acqua non diventa mai troppo alta... che puoi camminare da una "secca" all'altra.

Dove il colore delle bouganville è fucsia o vermiglio.
Dove il profumo delle cose buone da mangiare si respira sin dalle prime ore del mattino.
Dove il dialetto è quello famigliare, che mi piace ascoltare, che mi fa sentire subito a casa e quasi ne prendo la cadenza appena mi ci ritrovo dentro.
Dove i taralli o "scaldatelli" si sgranocchiano tra un bagno e l'altro e dove il cocomero è sempre rosso e succoso.
Dove la sera si passeggia tra i vicoli di Rodi Garganico, o di Vieste... o di Peschici... o anche verso l'interno, nel paese di mia nonna, Carpino, dove affondano profondamente le mie radici e dove prima o poi tornerò con tutta la mia tribù per far conoscere e apprezzare anche ai miei figli quei luoghi, quei sapori e soprattutto quelle persone, che, anche se non ci sono più, la loro presenza aleggia ancora lì ed è impressa in ogni granello di sabbia leggerissima.

foto presa da pinterest

Ecco... se fossi al mare... sarei al MIO mare.

Con questo post partecipo al divertente gioco che si è inventata Silvia e la ringrazio per avermi fatto ripercorrere tutti questi bei ricordi.

3 commenti:

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...