"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

lunedì 11 marzo 2013

La torta di pasta al forno

Domenica.
Febbre sparsa. Che pizza!
Almeno la pancia deve esultare in qualche modo.
Ho approfittato del pisolino mattutino di Massimo per mettermi all'opera.
Avevo già preparato un ragù velocissimo prima, poi ho composto questa banalissima pasta al forno, l'unica novità è che l'ho allestita come se fosse una torta, usando uno stampo a cerniera, per l'appunto.
Il risultato è stato veramente soddisfacente, sia alla vista: originale e simpatico e soprattutto per il palato.
Ah, una novità: Massimo ha deciso che le sue pappette gli fanno ormai alquanto schifo e vuole mangiare quello che sta nel nostro piatto... quindi ho preparato questa pasta pensando che l'avrebbe mangiata anche lui, perciò ho usato qualche accorgimento per alleggerirla e per renderla più adatta ad un bambino così piccolo: ho eliminato un po' di ingredienti, l'ho fatta quindi senza besciamella, con poco olio e sale infinitesimo, senza soffriggere e senza troppi formaggi... ma con ugual sapore! Anzi, forse è venuta anche meglio!

Il mio dramma, da sempre, quando preparo la pasta al forno è la giusta cottura: nel senso che spesso mi viene talmente cotta, che diventa una colla. Stavolta sono stata molto attenta e l'ho scolata al momento giusto, ossia, praticamente mezza cruda: ed ha funzionato!

Ingredienti per 4 persone e mezzo!
500g di rigatoni
300g di macinato
1l di passata di pomodoro
1 cucchiaio di dado vegetale
1 cipolla
1 cucchiaio d'olio
1 mozzarella a tocchetti
1 pezzo non troppo grande di taleggio a tocchetti
2 cucchiai di parmigiano grattuggiato

Procedimento:
Preparare il ragù senza far soffriggere niente: mettere nella pentola tutto insieme il macinato, la cipolla a dadini, il dado vegetale, il pomodoro ed il cucchiaio d'olio.
Far sobollire lentamente per almeno una mezzoretta, far asciugare tutta l'acquetta che tirerà fuori la carne, è necessario che il sugo sia bello fitto, altrimenti uscirà fuori da tutte le parti una volta che è tutto nella teglia in forno.
Lessare la pasta in abbondante acqua non troppo salata (io non ce l'ho messo proprio il sale, proprio perchè pensavo che l'avrebbe mangiata anche Massimo), scolarla quando è ancora mezza cruda, tuffarla nella pentola del ragù ed amalgamare bene.
Imburrare lo stampo a cerniera, soprattutto i bordi laterali, versare la pasta così condita e buttarci sopra i vari formaggi. Terminare con una spolverata di parmigiano.



Infornare a 200° per una decina di minuti.


Togliere poi dal forno, aspettare che si stiepidisca leggermente e quindi eliminare la cerniera.
Servire su un bel piatto di portata: ed ecco a voi la PASTA PIE!



Tutto sommato, è stata una Buona Domenica!

Dite... che Massimo abbia gradito?


4 commenti:

  1. mamma mia che buona, adoro la pasta al forno e anche i miei ometti di casa!!!

    RispondiElimina
  2. meravigliosa questa torta di pasta..o pasta di torta..nn credo ne sia avanzata!!

    RispondiElimina
  3. Che buonaaaa! E che pacioccone Massimo, tutto da sbaciucchiare :-)

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...