"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

martedì 15 gennaio 2013

Le 10 cose che NON rimpiango di quando ero incinta


Ho scritto delle meraviglie e dello stato di grazia che circondava le mie varie panze durante i periodi di gravidanza, ora mi scateno con quello che non rimpiango affatto di quei periodi:
  1. Il senso di pesantezza e di gonfiore (pancia, gambe, piedi, caviglie, mani, ....) che mi accompagnava per tutta la giornata, ma soprattutto la sera
  2. La mia camminata a pinguino
  3. Il mal di schiena
  4. Le antipatiche "perdite", anche quando solo facevo uno starnuto o una risata! Pensare che una volta, quando ero verso la fine della gravidanza di Miriam, ho avuto una perdita talmente imbarazzante, che credevo mi si fossero rotte le acque, poi ho scoperto che si trattava solo di pipì!
  5. Il non riuscire a prendere in braccio con disinvoltura le bimbe... la fatica si è fatta subito sentire
  6. Il senso di svogliatezza e di apatia che mi aveva avvolta, soprattutto durante la mia prima gravidanza, non mi andava di fare niente, ma proprio niente niente, avrei continuato a vegetare per 9 mesi!
  7. Il senso di fastidio verso tutto e tutti, soprattutto durante le ultime settimane di gravidanza: ero un groviglio di ansia, di voglia che tutto finisse il prima possibile, ma anche no... neanche io sapevo in realtà cosa volessi, mi sentivo stanca e affaticata ed ogni motivo era buono per farmi assalire dal panico!
  8. Il non poter mangiare prosciutto e melone, oppure una bella fetta di salame, o un buon tiramisù fatto in casa...
  9. Andare a fare le analisi del sangue tutti i santi mesi e, puntualmente, le richieste mediche erano SEMPRE sbagliate e dovevo discutere con qualcuno ed era un andare avanti e indietro tra studi medici e pagamenti di ticket!
  10. Il non riuscire a respirare da sdraiata! Mi svegliavo spesso e volentieri nel cuore della notte in preda a crisi di caldo, anche se ero in pieno dicembre, oppure perchè mi mancava l'ossigeno... e allora mi scoprivo tutto di botto, spalancavo la finestra... e il povero Marco ha sempre rischiato una broncopolmonite!
Ok, ora dite la vostra... so che ce ne sono tante altre di cose da dire in merito...

17 commenti:

  1. La mia lista è più corta:
    1) Non poter mangiare il tiramisù, che sarebbe cosa buona e giusta in gravidanza.
    2) La nausea e il vomito, doppio nella gemellare.
    Il resto più o meno non è stato un gran fastidio.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per fortuna, ma anche no, di nausee non ho mai sofferto... sarà per questo che ho acquistato una serie infinita di chili durante le gravidanze...

      Elimina
    2. Le mie gravidanze sono state splendide e anche il fatto di non poter mangiare salami o prosciutto crudo non mi pesava.

      Elimina
  2. Io ho solo un figlio, ma il senso di fastidio verso tutto e tutti ce l'ho avuto subito dopo il parto! Tutte quelle visite ahahah lasciatemi in pace!!

    E poi un'altra cosa ricordo senza nostalgia: la stitichezza, mamma mia che cosa fastidiosissima!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ci credi che invece durante le mie gravidanze ero di una regolarità da far invidia persino alla Marcuzzi e a tutto il suo bifidus?

      Elimina
  3. oltre a tutti i 10 punti, aggiungo il fiatone che mi veniva per qualunque cosa facessi...anche se palavo, mi affannavo subito...e io sono una chiacchierona...quindi era una cosa davvero penalizzante per me :D
    e il sonno....son già dormigliona di mio...ma per la prima gravidanza dormivo 14 ore al giorno O_o
    e l'acidità degli ultimi tre mesi....vivevo ingurgitando maalox

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oddio, è vero, mi hai ricordato l'acidità! Mi ci svegliavo di notte (altro motivo di insonnia!) per questo fastidio!!!!

      Elimina
  4. Concordo a pieno con la tua lista e aggiungo la meledettissima acidità di stomaco....la sera mi sentivo un drago!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella del "drago" rende appieno l'idea!

      Elimina
  5. Ma vogliamo parlare degli svenimenti (che ho avuto per Deddè i primi mesi), del bruciore di stomaco alias acidità, dei crampi e del fastidio per tutti gli odori. Il caldo lo avevo anch'io, terribile! Ah e l'instabilità grazie alla camminata a pinguino sarò caduta 2 o 3 volte :(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caspita! Gli svenimenti? Quella non deve essere affatto "simpatica" come cosa...

      Elimina
    2. No affatto, credo fosse dovuta alla mancanza di ferro e al caldo umido afoso che regna sovrano nel sud Sardegna in estate :( mi capitava di voler uscire arrivavo all'ascensore e tornavo indietro assalita dallo svenimento

      Elimina
  6. io condivido la voglia di salame... poi qualche svenimento qui e là....la gran rottura di palle?gli ultimi 2 mesi ferma in casa per cui ho vissuto in simbiosi col mio divano che mi ha intrattenuto piacevolmente...ho partorito pure alla 34esima per cui ho finito presto...continuo a pensare che l'idea della "pancia" abbia più cose positive...ma io sono un'ottimista...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'ottimismo è il profumo della vita... che sennò mica ne avrei fatti 3 io, no?

      Elimina
  7. beh, detta così la voglia passa a tutte!!!
    Io non me le ricordo così terribili... che io abbia dimenticato troppo in fretta!?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai rimosso.... si vede che sei già pronta a ricominciare tutto daccapo!

      Elimina
  8. Concordo pienamente su 3, 6 e 8.
    Meno male che stanno passando le nausee e con quelle sta tornando un po' la voglia di vivere, ma mi sono ritrovata sul divano in stato di decomposizione quasi..
    E il tiramisù?? Mamma mia, mi sono comprata il gelato e le coppette industriali perchè ad un certo punto sono entrata in astinenza!

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...