"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

lunedì 19 marzo 2012

Il Miriammese prende il volo.... DA SOLO

Avevo già abbondantemente parlato delle tante difficoltà nel linguaggio che incontrava Miriam, tanto da aver battezzato il suo modo di parlare "Miriammese": oscura lingua ai più incomprensibile, fatta molto spesso da gesti e da suoni quasi tutti simili e utilizzanti tutti le stesse consonanti, molto simile ad un cinese che tenta di parlare l'italiano e a volte anche ad un russo che sbiascica il romano, insomma un mix veramente singolare che cominciava a preoccuparci, vista ormai l'età che avrebbe dovuto segnare una maturazione e un definitivo cambiamento nel linguaggio.

Avevamo quindi intrapreso un cammino con una logopedista.

Bene. Eravamo quasi sollevati al pensiero che questa questione l'avevamo ormai presa di petto e che l'avremmo quindi risolta, o almeno, stavamo cercando di fare qualcosa, senza aspettare con le mani in mano, come in molti ci avevano accusati di fare fino a quel momento.

Il pediatra, come sempre, ha assecondato le pippe mentali di noi genitori, prescrivendo visite, ma guardandoci con commiserazione, come per dire: "Se voi volete fare, fate pure... ma tanto alla bimba tutto questo non serve, farà da sè...".

Insomma, dopo più di un mese di logopedia, senza troppi risultati (e che volevamo avere riscontri immediati!??! Queste cose hanno bisogno di tempo.... di assimilazione... e compagnia bella... hanno bisogno anche di parecchi soldi, altro che!!!!)., anzi, stavamo notando anche una certa chiusura di Miriam nei confronti dell'ora di terapia, cominciava ad essere più capricciosa, a non collaborare più, a chiudersi in lunghi e prolungati silenzi improduttivi e mal disponenti... era diventata in pratica una tortura per lei... e anche per me, eh!

Poi siamo andati ad un nuovo consulto con una specialista di un centro convenzionato, la quale ha dichiarato il nostro caso come assolutamente non grave, che si sarebbe sbloccato da solo e ci ha dato un mese di tempo per far decantare le cose e per osservare eventuali cambiamenti.

Abbiamo deciso quindi di sospendere la logopedia, perchè tanto Miriam non faceva altro che recalcitrare ad ogni seduta, rendendo tutto inutile o, se vogliamo, anche controproducente e abbiamo aspettato, anche perchè siamo stati presi da altre mille cose nel frattempo (la nascita di Massimo era tra queste....)

Risultato!? Miriam sta facendo da sè come ci aveva lasciato intendere il nostro pediatra e come ci aveva annunciato anche l'ultima specialista interpellata. Ormai parla abbastanza spedita, ovviamente ci sono delle consonanti che le stanno particolarmente antipatiche, ma la cosa penso sia normale. Inoltre è diventata una chiacchierona e difficilmente si riesce a dissuaderla dal parlare ovunque e in qualunque momento, si sente più confidente nelle sue possibilità e non sta a guardare me se non riesce a dire qualcosa chiedendomi da farle da interprete, ormai è autonoma! In più ora si lancia anche nell'insegnare nuove parole a Melania, che ripete tutta contenta e attenta le parole della sorellona, riproducendole alla perfezione e rendendo Miriam veramente orgogliosa del risultato, tanto da ostentare la cosa come un bel trofeo, della serie: "Eravate scettici delle mie possibilità!?!? E ora addirittura INSEGNO a parlare a Melania!!!!! Tiè!!!!!"

Credo proprio che questo capitolo l'abbiamo finalmente concluso.

6 commenti:

  1. BRAVISSIMA!!!
    Bel sollievo per la mamma che speriamo abbia imparato la lezione: più fiducia alla sua cucciola!!!

    RispondiElimina
  2. Bravissima Miriam!!!! Non ce n'è, sti bimbi ci stupiscono sempre!!!!

    RispondiElimina
  3. ciao
    buon lunedi
    complimenti

    http://laracroft3.skynetblogs.be
    http://lunatic.skynetblogs.be

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...