"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

martedì 29 novembre 2011

C'è bisogno della logopedia

Ieri siamo andate all'incontro con una neuropsichiatra infantile di fiducia per farci una chiacchierata riguardo la situazione del linguaggio di Miriam.
Come siamo entrate, appena ha scambiato due parole con Miriam e prima che io potessi spiegare niente, mi ha subito detto che c'è molto bisogno di aiuto per la bambina, che, quasi sicuramente potrebbe anche sbloccarsi da sola, ma anche no, quindi non possiamo correre rischi inutili e far trascorrere altro tempo prezioso.
Il nostro unico obiettivo è di rendere la vita di Miriam il più semplice possibile e fare in modo che a scuola e in qualsiasi altra situazione lei si senta a suo agio, senza doversi rinchiudere in un pericoloso mutismo proprio perchè comincia a rendersi conto di questa sua lieve diversità.
Abbiamo parlato parecchio, sia io che Miriam.
La dottoressa è stata accogliente, comprensiva, mi ha chiarito alcuni aspetti che, a posteriori, risultano ovvi, ma a cui non avevo mai pensato finora.
Niente sensi di colpa da parte mia, niente recriminazioni su quanto fatto finora, questo tipo di problemi non hanno una causa specifica, potrebbe essere tutto o niente, sicuramente il fatto di aver avuto prestissimo una nuova sorellina, non ha certo aiutato Miriam, che ancora combatte con il suo senso di gelosia. Certo è che avere una mamma divisa in mille cose, non aiuta. Certo è che sentirsi dire di continuo "Dai, non fare i capricci che tu sei grande", mentre alla sorellina no, non è gratificante, soprattutto se poi di contro la trattiamo ancora come una duenne e non come una treenne come è giusto che sia.
La chiave di tutto, oltre alla logopedia, è di dividere gli spazi e i tempi tra le due bimbe.
C'è un momento dedicato a Miriam e alle possibili attività che può svolgere una treenne, senza l'intromissione della piccola e c'è un momento dedicato a Melania, con le attività interessanti per una duenne, senza che Miriam debba per forza parteciparvi, perchè magari considerate da lei noiose. Ed infine ci deve essere anche un momento di condivisione e di gioco comune.
Un anno di differenza tra le due bimbe sembra pochissimo, ed infatti lo è, ma non a questa età, è un divario immenso se si considera i diversi livelli a cui entrambe sono arrivate, quindi trattarle alla stessa maniera è sbagliatissimo (anche se lo consideravo più semplice da attuare!) e non le aiuta nel loro sviluppo, compreso nel linguaggio.
Quindi da oggi, si parte con un nuovo tentativo di suddivisione dei tempi e degli spazi, anche se di tempi e spazi ce ne sono davvero pochi (soprattutto in casa), ma so che ce la posso fare!
Per quanto riguarda la logopedia, ci stiamo attivando anche in quella direzione e a presto gli aggiornamenti!


12 commenti:

  1. Sono sicura che ce la farai, ha intrapreso la strada giusta...sei davvero una gran mamma Micky!

    RispondiElimina
  2. E io probabilmente seguirò presto la tua strada, perché qui siamo ancora in alto mare.
    Ce la faremo.

    RispondiElimina
  3. @Slela: se posso darti un consiglio, non aspettare i 3 anni... muoviti prima, mi è stato rimproverato soltanto questo ieri dalla dottoressa! In ogni caso, sono sicura che ce la faremo!

    RispondiElimina
  4. brave ragazze. Quella del neuropsichiatre è un passo importante, almeno se è solo questione di tempo ci si sente a posto :) un bacione

    RispondiElimina
  5. certo che ce la farai! sei una grande mamma! in bocca al lupo e mantienici sempre aggiornate

    RispondiElimina
  6. Brava! Veramente, non è da tutti accorgersi di un problema ed affrontarlo nel migliore dei modi con l'aiuto di esperti!Ce la farai, sei già a buon punto!
    Ci sono novità per il conetst? O mi sono persa io?
    Se ti va passa da me, c'è un giveaway di Natale
    http://mammadisem.blogspot.com/2011/11/giveaway-di-natale.html

    RispondiElimina
  7. Quante cose non sappiamo sui nostri figli... e quante non ne sapremmo se non avessero rivelato il problema...

    RispondiElimina
  8. e in bocca al lupo a tutta la famiglia. Hai detto benissimo, niente sensi di colpa e recriminazioni.
    Bacio grosso!

    RispondiElimina
  9. L'importante è andare nella giusta direzione!
    Sono sicura che Miriam recupererà prestissimo!
    In bocca al lupo!

    RispondiElimina
  10. Sono leggermente dislessica.
    Ti porto il mio esempio riguardo le gelosie .
    Mia sorella, che ora adoro, da bambine la tenevo sempre lontana. Ero gelosa marcia!!! 3 anni di differenza.
    Quando dovevo dire qualcosa ai miei mi sbrigavo per paura che la dicesse lei per prima!
    E cosi' sbagliavo parole!!
    Anticipavo alcune cancellandone altre!
    Ma i miei non sapeva nemmeno cosa fosse un logopedista..mi hanno aiutato come hanno potuto nei loro limiti.
    Usa tutte le armi che puoi per aiutare la tua stellina!

    Un abbraccio da una dislessica che si e' curata da sola sforzandosi di parlar piano... E che fatica!

    RispondiElimina
  11. Avete intrapreso la strada giusta, sarete bravissimi, vedrai!!! Un bacio forte!

    RispondiElimina
  12. La strada è sicuramente quella giusta ...certo per te sarà molto difficile... non è cosi' facile suddividere i tempi ...soprattutto quando sei sola a gestirle ... io ho lo stesso problema con i miei ...mi dicono tutti che sarebbe meglio dedicare tempo a loro separatamente ...ma io non ci riesco ... mentre sto con uno l'altro dove me lo metto? :D .... son sicura che già ci stai pensando ma forse ti conviene pensare ad una persona "fissa" (che sia una nonna , una zia o una baby sitter) che stia con voi almeno un paio di ore al giorno... soprattutto quando arriverà M maschietto....

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...