"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

venerdì 22 agosto 2014

La strada verso casa



Non lo credevo possibile, ma sì: ci si può commuovere profondamente con un libro di Fabio Volo. E lo so che gli pseudo-intellettuali della fava, in questo momento, non solo staranno storcendo il naso, ma stanno avendo anche un lieve attacco di bile, ma è così.
Sempre questi pseudo-intellettuali considereranno la mia recensione, una manciata di parole senza senso, frivole e senza significato, un po’ come tutto il blog, ma, a dirla tutta, questi pesantoni, tuttologi della fava di cui sopra, secondo me, sono invidiosi del successo di Volo, non lo comprendono e non lo accettano.
Con questo libro, a mio avviso (sempre modestissimo), Volo ha trovato (finalmente) la maturità, ha scavato nel profondo del suo animo, della sua esistenza, è tornato alle origini, alle questioni non risolte della sua infanzia, ai rapporti veri, quelli che ti porti dentro per sempre, per tutta la vita e che la segnano, inevitabilmente.
La strada verso casa è, infatti, tutto un percorrere quella che è stata l’esistenza di due fratelli, tanto diversi, ma tanto simili, nel vissuto, soprattutto nell’infanzia: le esperienze fatte nella casa dei genitori, l’educazione ricevuta, i grandi dolori sopportati, ognuno a suo modo, rinchiusi in se stessi, senza aprirsi e senza porgersi una mano. Si ritrovano da adulti, proprio quando devono affrontare, di nuovo, la perdita di un genitore.
Si ritrovano, si avvicinano, si giudicano, si aiutano, poi si allontanano, si ritrovano e si comprendono.
Una bella storia di vita, un percorso inevitabile, che tutti noi figli, in situazioni “normali”, siamo costretti prima o poi ad affrontare. E’ per questo che ho sentito questi due fratelli, Marco e Andrea, molto vicini a me e al mio vissuto. Tutto il ripercorrere i ricordi, il rivivere la casa di famiglia da adulti, dopo che tante cose sono cambiate e che qualcuno non c’è più, rivedere vecchie lettere, vecchie foto, libri, ninnoli vari, ognuno con la sua storia, il suo racconto che soltanto chi è di famiglia conosce, per gli altri sono solo vecchie cianfrusaglie.
E poi la ricerca di se stessi, dopo tanti errori, tanto affanno, tanti tentativi fallimentari e la svolta avviene quando si cambia prospettiva, quando si prova a pensare e a vedere le cose con gli occhi di qualcun altro.
Perché non sempre si ha la fortuna di trovare quello che si cerca al primo tentativo, a meno che non ci si convinca che sia così.

Ebbene sì, mi sono commossa, profondamente. Mi ci sono incollata su queste pagine, ogni parola l'ho sentita mia, l'ho vissuta e l'ho divorata.
Ho riso ed ho pianto.


E ringrazio Volo per essere così tremendamente cazzone e sensibile. Come piace a me.


3 commenti:

  1. Ciao, anch'io ho letto questo libro (e anche tutti gli altri di Fabio Volo...) e mi è piaciuto tantissimo!
    Trovo che abbia un modo di scrivere molto piacevole, semplice e scorrevole ma allo stesso tempo sa "inserire" quel pensiero o "frecciatina" per niente banale e che ti fa fermare a riflettere!
    A me hanno colpito maggiormente cose differenti di quelle che hai citato tu... leggendo il tuo post ho mentalmente ripassato il libro anche sotto un'ottica diversa, grazie!
    Quando lho letto il libro ho scritto anch'io un post sul blog: mi farebbe piacere se venissi a darci un'occhiata... http://www.maryclaire-perlecose.blogspot.it/2014/04/un-libro-al-mese-la-strada-verso-casa.html
    Ciao

    RispondiElimina
  2. SAi che ti dico mia cara??? Che vado a riprendermelo per rileggerlo...anche io trovo Volo molto profondo nella sua semplicità e anche io penso che il non apprezzarlo sia solo una questione di invidia da chi magari vorrebbe essere al posto suo per provare certi tipi di sentimenti. Sì...vado proprio a riprendermelo...grazie!!!!

    RispondiElimina
  3. Anche a me piace Fabio Volo. C'è il momento per le letture intellettualchic ma c'è anche il momento per romanzi come i suoi, leggere e significativi allo stesso tempo, pieni di sentimenti e riflessioni giovani e che non possiamo non sentire nostri. Questo non l'ho ancora letto. Lo metto in lista desideri. Grazie. Ketty

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...