"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

sabato 28 giugno 2014

L'ultimo giorno di scuola dell'infanzia di Miriam che non c'è stato

Capita che, in via del tutto eccezionale e come primo esperimento nella storia della nostra famiglia, si vada a cena fuori una sera tutti insieme, capita che si tratta proprio della cena di fine anno scolastico di Miriam, che da settembre comincerà un nuovo ciclo di studi: la scuola primaria.
Capita che, in compagnia dei suoi amichetti e dei relativi genitori, con le loro maestre, si trascorre una serata allegra, spensierata, in cui i bimbi giocano, corrono e si divertono.
Capita, quindi, che si faccia un po' più tardi del solito e che si ritorni a casa in orari che ormai sono "proibitivi" per noi... e riscopriamo il piacere di stare fuori, di trascorrere del tempo in compagnia, al di fuori della solita cerchia di amici e famigliari.

Capita quindi che...
"OMMMMMIODDDIOOOOOO!!!! Marco alzati!!!! Sono le 08.40!!!!!"
Una serie di pensieri non riescono a trovare la via di uscita dalla mia testa, non riesco a focalizzare la situazione: mattina, tardi, i bimbi dormono, tutti, non è sabato e neanche domenica...
"OOOOOMMMMIOOOOODDDDDIO!!!!"
Ok, respiro, calma: "Ho preso un giorno di ferie per poter essere presente alla festa di fine anno al nido di Massimo."
Bene, un pensiero di meno.
Ok, respiro: "Le bimbe! Devo portarle a scuola entro le 9.00!"
Ok, non ce la farò mai.
"Bene, poco male, non andranno a scuola e verranno alla festa di Massimo con me."
...
"O no!!!! Oggi è l'ultimo giorno di scuola materna per Miriam!!! Non ha salutato le sue maestre, i suoi amici!!!"
...
silenzio, nella mia testa.
...
"Meglio così."

Odio i saluti, odio gli addii, odio quei momenti di separazione, quelli che, soprattutto, concludono un periodo pieno zeppo di bei ricordi, di belle esperienze, di belle persone conosciute, che inevitabilmente, nonostante le tante promesse di: "Ci sentiamo, ci vediamo, teniamoci in contatto..." fanno già parte del nostro passato, del passato di Miriam.
E' il suo primo grande passaggio.
La sveglio, non tanto dolcemente, visto l'orario, e poi le dico: "Miri, andiamo alla festa a scuola di Massimo".
Lei mi guarda, si vede che realizza in quell'istante che non andrà a scuola, alla sua adorata scuola e mi dice: "Mamma, promettimi però che mi porti dalle maestre a settembre, io devo salutarle!"
Certo, non ho potuto tirarmi indietro. Così, gliel'ho promesso, ma sarà diverso, sarà molto diverso a quel punto e spero che, trascorsa l'estate, il distacco sia un po' meno doloroso.

E poi la guardo, la mia Miriam, la mia bimba dolcissima e sensibilissima, che riesce a ricordare esattamente ogni istante trascorso, ogni battibecco con le amichette, ogni frase delle sue insegnanti, ogni scenetta avvenuta in quell'edificio.
Miriam, la mia bimba precisa, attenta, scrupolosa, responsabile.
Miriam, la mia bimba che è cresciuta tantissimo, che da piccola bimba chiusa in se stessa, timorosa e impaurita, è sbocciata, ora sa il fatto suo e risponde a tono, sa portare avanti argomentazioni come una donna, sa metterti con le spalle al muro soltanto con l'uso della parola.
E va bene così, va benissimo.
Con l'aiuto delle maestre, con il loro supporto, con il loro affetto, con la loro pazienza, con la loro esperienza, abbiamo fatto un percorso incredibile con Miriam: hanno capito le sue difficoltà, le sue paure, le sue insicurezze e ci hanno aiutato tanto a capire e a superare le piccole-grandi difficoltà che ci si sono parate davanti in questi 3 anni, che non sono affatto volati, sono stati pesanti, faticosi, pieni di salti mortali, ma sono stati GRANDIOSI!

Sono convinta che Miriam avrà sempre spazio nel suo cuore per le sue adorate maestre, ci si rifuggerà e ci troverà consolazione nei momenti di sconforto, perchè da loro ha avuto sempre affetto, un abbraccio, incoraggiamento... è sempre stata compresa, aiutata, capita. E' sempre stata rispettata, accettata, valutata per quel che era.

Una nuova avventura sta per cominciare. E la vogliamo iniziare col sorriso, senza lacrime e addii, perchè la maestra Renata e la maestra Claudia sono sempre con noi!


Nessun commento:

Posta un commento

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...