"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 7 maggio 2014

Prepariamo la cena da soli: le polpette

Sì, si tratta di sfruttamento minorile, non lo nascondo!
Così, mentre un pomeriggio siamo a casa della nonna Lilla a giocare e a divertirci, la nonna ha pensato, in maniera geniale, di coinvolgere i bimbi nella preparazione della cena: polpette al sugo per tutti!
Abbiamo abbinato utile al dilettevole: bimbi divertiti e tranquilli, interessati da una nuova attività e orgogliosi di essere utili a tutta la famiglia e necessità di preparare la cena.
Le polpette, in genere, sono uno dei piatti prerogativa delle nonne, proprio perchè sanno che così facendo non si sbaglia mai, stavolta la nonna ha voluto raccontare i segreti della preparazione delle polpette ai nipoti... è stato veramente un bel momento!

Le polpette sono il loro piatto preferito, lo sono sempre stato e non solo per loro. Si accontentano un po' tutti i gusti, no?

I bimbi hanno accolto la proposta con urletti di gioia: li coinvolgo spesso e volentieri in cucina, ma non avevano mai provato a preparare le polpette.
Quando le bimbe erano più piccole, facevo loro realizzare dei piccoli passaggi delle ricette: mescolare, decorare tortine... ora invece, ci lanciamo in operazioni più ardite e lascio preparare loro direttamente tutta la pietanza, perchè ne sono capaci e perchè, come la Montessori insegna: devono fare le cose "vere", non devono soltanto far finta.
Quindi eccoli qui...

Si comincia nel mettere tutti gli ingredienti in una ciotola capiente, hanno aperto da sole le uova, con molta attenzione
(da notare il dettaglio della foto, in alto a sinistra: Massimo che giocherella in cucina sulla sua macchinina...)


hanno aggiunto il parmigiano, dopo averlo abbondantemente assaggiato... diciamolo...
(da notare il dettaglio nella foto in alto a destra: Massimo che si avvicina al tavolo incuriosito)


E poi, dopo una rapidissima dimostrazione della nonna su come procedere...


Sono andate avanti speditissime da sole


manipolando con cura e chiedendo consigli e rassicurazioni, durante il procedimento, che stavano facendo bene


Sono state rapidissime e bravissime... anzi, BRAVISSIMI, tutti e tre
(da notare il dettaglio della foto in alto: anche Massimo fa le polpette!)


Non immaginate con che gusto si siano poi pappati le polpette fatte con le loro manine!

2 commenti:

  1. Adoro le polpette ma mi riescono sempre così male... non so cucinarle uffi ˆ_ˆ

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io me la cavo, ma le polpette che fanno le nonne sono decisamente migliori! Non c'è paragone!

      Elimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...