"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 2 novembre 2011

La prima notte senza Miriam

Sabato eravamo a pranzo dai nonni, nel pomeriggio, visto che Melania non è che stesse poi così bene, abbiamo deciso di rientrare sul presto, così abbiamo detto a Miriam di cominciare a raccogliere le sue cosine e di mettersi la giacca per venire via con noi, come al solito. Ma stavolta ha cominciato a fare mille storie che non voleva andarsene, che voleva rimanere a giocare. Allora, un po' per gioco, un po' per battuta e un po' per vedere la sua reazione le ho detto: "Ok, Miri, se vuoi, allora rimani a dormire dai nonni e mamma e papà vanno via con Melania che non si sente bene, che ne pensi?" Silenzio, Miriam mi fissava senza dire una parola, evidentemente stava prendendo realmente in considerazione l'eventualità di rimanere a dormire dai suoi adoratissimi nonni per poter fare come voleva, anzichè assecondare una mamma che la subissa di richieste! Come darle torto? Avevo con me un cambio, per metterla davanti ad una cosa concreta dell'eventualità finora espressa solo a parole le ho fatto vedere che prendevo il suo cambio e lo posavo sul divano, dicendole: "Bene, se vuoi, ti lascio qui tutto il cambio per stasera, così con nonna ti lavi e ti cambi, ok?" Ancora silenzio. "Miri, guarda che se non vuoi rimanere, vieni con noi a casetta, eh? Non ci sono problemi, basta che ce lo dici che vuoi fare, allora, rimani qui?" A questo punto Miriam mi dice: "Sì, sto qui!" sempre seria, decisa, irremovibile... come del resto, qualsiasi decisione abbia finora preso da sola, è sempre stata quella definitiva, non è mai tornata sui suoi passi, così è stato per lo spannolinamento prima diurno e poi notturno, per il passaggio al lettino dei "grandi" e per tante altre cose, quando non le si impone niente e matura la decisione lei, allora è PER SEMPRE! Non nascondo che un briciolo di preoccupazione e tanta tanta malinconia al momento di salutarla ci sono state, eh... altro che! In macchina, per i primi kilometri, Marco ed io eravamo rimasti muti. Poi tutto ad un tratto lui mi fa: "Ma era proprio necessario lasciarla dai miei?", queste parole hanno risuonato come un'eco nella mia testa, no... non era affatto necessario e forse abbiamo fatto bene proprio perchè non era necessario, abbiamo agito in un clima di totale libertà, di serenità, di poter fare esattamente come lei avrebbe voluto, anche se all'ultimo minuto avesse cambiato idea, oppure l'avesse fatta anche più tardi, non c'era alcun problema, nel giro di una mezzoretta saremmo tornati indietro a prenderla, proprio perchè non c'era la necessità... ecco cosa... e mentre gli enunciavo tutte le buone motivazioni per cui è stato un bene cogliere questa occasione al volo, mi sono tranquillizzata anche io ed ho tirato un sospiro di sollievo. Ora sappiamo che Miriam dorme volentieri dai nonni, che si diverte e che non sente la nostra mancanza, insomma, è serena e questa è la cosa più importante di tutte... e poi, vogliamo mettere che goduria starsene in una casa dove poter spadroneggiare e in cui ogni desiderio diventa un ordine!? Sono felice che abbia preso questa decisione... anche se, che strano vedere quel lettino vuoto la sera... veramente strano.
Melania, in tutto questo, finalmente è stata trattata da "figlia unica" per una sera: bagnetto lungo quasi un'ora, giochi e coccole a volontà... è stata una pacchia anche per lei, che ha avvertito che qualcosa era cambiata, ma forse non voleva chiederne il motivo per paura che l'incanto svanisse. E' stato bello ritrovarsi la mattina dopo. Un lungo abbraccio e si è tornati alla solita routine. Questo lo considero veramente un gran progresso!

6 commenti:

  1. Ma sai che tua figlia è un portento??? Ogni volta che leggo di lei mi chiedo quanti anni abbia... poi mi ricordo che ha da poco compiuto i 3 anni... e pensare che da certi tuoi discorsi potrei dargliene almeno 5/6..... Miriam è il mio idolo!!! :-)

    RispondiElimina
  2. Avete fatto benissimo...anche per noi era successa una cosa simile e anche noi abbiamo così capito che i nostri bimbi dormono volentieri dai nonni...e qualche volta si può anche approffittare della bella scoperta no??? baciotti

    RispondiElimina
  3. Secondo me hai fatto benissimo a lasciarla, hai colto l'occasione al volo ed è stato tutto molto spontaneo, naturale e soprattutto volontario...
    Brava Miri e bravi genitori...

    RispondiElimina
  4. direi un progressone!!!! che grande Miriam!!! spero che prima o poi capiti l'occasione e la volontà anche a noi!!!

    RispondiElimina
  5. avete fatto bene a lasciarla, soprattutto perchè non c'era una reale necessità, e Miriam si è comportata davvero benissimo! bravi tutti e tre! :)

    RispondiElimina
  6. Le prime volte che abbiamo lasciato il bambino dai nonni, a me e mio marito ci sembrava mancasse qualcosa... sarà stata l'improvvisa atmosfera di tranquillità! Abbiamo molto apprezzato... i miei genitori, invece, un po' meno!!

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...