"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

giovedì 26 maggio 2011

Torte a domicilio e 4 chiacchiere

Mariolla è nel suo periodo di maternità, alle prese con quella frugoletta di Sofia che le assorbe anima e corpo, anche perchè è una bimba che non ha granchè voglia di dormire e di starsene buonina per fatti suoi... preferisce stare in braccio alla mamma, meglio ancora se sta attaccata al suo seno (e come darle torto!?).
Peccato però che Mariolla si sta man mano esaurendo, è stanca, ha bisogno di evadere, deve trovare l'equilibrio di questo suo nuovo "status", equilibrio non sempre facile da raggiungere: ognuna di noi ha i suoi tempi, i suoi modi... ci sono donne che appena diventano mamme, si sentono anche mamme, si calano normalmente nel ruolo e ce ne sono altre che per raggiungere questo modo di essere, faticano un po' di più o, per lo meno, ci vuole loro un po' più di tempo ed è del tutto normale e fisiologico anche questo!
Fatto sta che l'altro giorno, prima di andare a prendere le mie due belvette al nido, ho pensato di fare un salto a casa di Mariolla per farle un po' compagnia e, perchè no, prepararle una bella torta antidepressiva!!!!
E cosa c'è di più antidepressivo del cioccolato!??!!?
NIENTE!
Mentre Sofia, bontà sua, ha deciso di dormire placida, ci siamo dedicate alla preparazione della torta, alla rassettata in giro, il tutto accompagnato da chiacchiere e pettegolezzi, ovviamente, mentre il profumo del cioccolato invadeva tutta casa (meglio di qualsiasi droga! Il buonumore è tornato istantaneamente!)... più che altro, Mariolla ha colto l'occasione per buttare fuori un po' di pensieri e per sfogarsi un po', fa bene anche questo no?!

Ecco la torta contro la depressione che ho preso da "I dolci di Anna".

Ingredienti:
200g farina
200g zucchero
1 bustina di lievito per dolci
80g cacao amaro
1 pizzico di sale
2 uova
1 bicchiere di latte
Per la farcia:
200ml di panna
4 cucchiai di nutella

Procedimento:

Sbattere le uova con lo zucchero. Unire il latte e amalgamare tutti insieme il resto degli ingredienti secchi.
Versare il composto in una teglia (meglio se è a cerniera) ben imburrata e infornare in forno già caldo a 180° per 30 minuti.
Sfornare e lasciar raffreddare del tutto.
Quando la torta è fredda, dividerla in due dischi. Montare la panna, unire la nutella e mescolare dolcemente dal basso verso l'alto con un cucchiaio per non smontare la panna. Spalmare la farcia su un disco e richiudere con l'altro. Riporre in frigo per qualche ora in modo che la panna rapprenda per bene.
Si può spolverare con dello zucchero a velo e guarnire come meglio si crede.






7 commenti:

  1. sei una grande!!!! voglio anche io un'amica come te, starei molto molto meglio....dove ti si compra?
    a parte gli scherzi, complimenti per la torta e per l'amicizia sincera che dai alla tua amica!

    RispondiElimina
  2. @Mia: ahahahaah! che carina che sei! Comunque non si tratta di una mia amica, ma di mia sorella... non che per un'amica non lo farei, eh... ben inteso... ma molte volte ci si mette di mezzo la distanza, gli impegni differenti... ecco cosa!

    RispondiElimina
  3. bellissima complimentiiiiiiiiiiiiiiiiii...... passa quando vuoi..... complimenti per il tuo blog

    RispondiElimina
  4. @MMD: vuoi che venga anche a casa tua per prepararti una torta?! In effetti potrei mettere su un'attività: Torte a Domicilio contro Stress-Depressione-Solitudine e pro FancazzeggioPuro! Che ne dici?

    @Anna: non ti preoccupare, prenderò spesso ispirazione da te!

    RispondiElimina
  5. Grazie, grazie, forse ce la faccio!

    RispondiElimina
  6. Se serve una mano per le torte io ci sono.

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...