"Mamma, lo so che ti scoraggi quando trovi le mie impronte su mobili e muri, rallegrati però perchè sto crescendo e rimarranno un ricordo solamente, perciò io ti regalo le mie impronte perchè tu possa un giorno ben lontano vedere com'erano piccole le mie mani al tempo in cui cercavano la tua."

mercoledì 27 aprile 2011

Quello che le mamme non dicono: parte seconda!

Rifacendomi spudoratamente al famoso libro di Wonder, voglio aggiungere qualche altro elemento di analisi e svelare altri retroscena che le mamme NON dicono MAI!
Wonder ha fatto un'attenta e accurata analisi di ciò che accade ad una mamma quando scopre di essere rimasta incinta, quando sente crescere una vita dentro di sè, di come cambia il suo corpo, la sua percezione delle cose, la sua visione del mondo, i rapporti con gli altri e soprattutto con quell'esserino che poi viene al mondo.
Bene.
Adesso andiamo avanti.
Mamme all'ascolto, anzi, neo-mamme all'ascolto, sedetevi comode e mo' vi racconto io come stanno le cose... se non le volete sapere allora, cliccate verso l'uscita e amiche come prima, vi capisco!
Iniziamo.
Nessuno ti dice mai che allattare è un LAVORO!
Devi accuparti di nutrire il tuo pargolo con la più amorevole delle sopportazioni: seni doloranti, crampi all'utero, la schiena che improvvisamente si rifiuta di sorreggere il tuo pachidermico peso e si piega senza che tu te ne accorga, mammelle che scoppiano e sgocciolano quando non dovrebbero, e quando invece dovrebbero zampillare, stanno lì rinchiuse nel loro silenzio... Il bimbo che molte volte tanto urla dalla fame o dal nervoso che neanche si attacca...
Ma sì, l'allattamento è il momento più dolce e idilliaco per una donna, come no?!

E per la dentizione?!
Sicuro prima o poi nella nostra vita di mamme si incontra la mamma all'avanguardia con i rimedi naturali, quella che ne sa sempre una più di tutte e ti dice: "Hai provato con la collanina d'ambra?! Noi abbiamo risolto, al bimbo sono spuntati tutti i denti, compreso quelli del giudizio, direttamente i definitivi, in un colpo, senza dolore... ho dovuto soltanto accendere un paio di incensi alla lavanda, e fargli fare meditazione zen..."... Sì, vabbè, e io che te dovrei risponne dopo una serie di notti insonni appresso a Melania che si lamenta per il dolore ai denti?! Ti rispondo, come è ovvio che sia: "Strozzatece co' sta collanina d'ambra!"

E poi... sorvoliamo tutta la fase del primo anno di vita abbondante...
Andiamo direttamente alla fase: "Togliamo il ciuccio".
Ma chi l'ha detto che una volta che i bimbi sono pronti, fanno tutto da soli? Certo, se si aspetta che abbiano compiuto i 15 anni di vita, voglio augurarmi che sto ciuccio benedetto l'abbiano abbandonato sul tavolo di qualche Mac Donald, e che cavolo!
Per noi è stata una vera lotta impari che solo io, Marco e forse il Padre Eterno, sappiamo!
Altro che storie e storielle...

E chi l'ha detto pure della storia dello spannolinamento che i nostri bimbi sanno sorprenderci? CHI - L'HA - DETTO? CHI?????
Ieri ho fatto il primo vero tentativo di togliere il pannolino a Miriam, visto che siamo rimaste a casa e che avevamo tutta la giornata davanti.
Il risultato: un disastro, cesta dei panni sporchi piena di almeno 12 (e ripeto DODICI! non sto esagerando! ma quanta pipì fanno sti mocciosi?) cambi da lavare, cuscino delle sedie della cucina zuppo di pipì che sta aspettando di essere lavato abbandonato ora sul terrazzo in preda alle intemperie, e la mia soglia di sopportazione, inevitabilmente, abbassata di tanto... ma di davvero tantissimissimo!
E pure qui, non ci sono libruncoli e tomi che tengano per spiegare a Miriam dove andare a fare sta maledetta pipì, non ci sono canzoncine propiziatorie, niente di niente... Miriam risponde sempre e costantemente "NO" quando io con una cadenza di 5 o 6 minuti chiedo: "Miriam, andiamo al bagno a fare pipì?" e dopo 30 secondi, ecco il laghetto!

Senza poi considerare quando senti le storie: "Mio figlio va a letto da solo, si addormenta da solo..."... maddechè!?!?!?! Abbella, ma a chi vuoi darla a bere?!?!?!? Mi vorresti dire che TU, dico TU, non hai penato almeno tre quarti d'ora prima, sperando, pregando tutti i santi del paradiso intero, appellandoti a tutti i riti del caso, inventandoti favole, leggendo ad alta voce anche le prime 80 pagine del vocabolario russo pur di rintronarlo??? Maddai!?!?!?! Non raccontarmela!

E quelle mamme che poi ti dicono: "Mio figlio parla benissimo, sa declamare a gran voce e a memoria con cadenza gasmaniana i primi 3 canti della Divina Commedia, tanto che io gli cingo il capo con una corona d'alloro!" Eccerto! Amatti!!!! Mi vorresti dire che tuo figlio se sa di riuscire ad ottenere una cosa senza aprire bocca, non ci prova nemmeno?!?!?! ... Ah sì? Allora, cara mia, lasciatelo dire: è FESSO! Ok, ok, ritiro tutto, allora la mia Miriam sarà indietro di parecchio nel linguaggio, ma tu devi chiamare un esorcista!

E quelle che ti dicono:"Ah, signora mia, mio figlio mangia tutto seduto e composto e immobile al proprio posto a tavola e non tocca niente e non si sporca... perchè sa che la regola è questa e non si sgarra!"
E tu dovresti poi rispondere: "Ah, signora mia, tu hai gli occhi foderati di prosciutto allora e non vedi che te la stai a raccontà pe' prima a te e poi vuoi pure prendere in giro me, che tutto sommato, manco me ne frega niente, eh... vedi di annà a raccoglie il tuo damerino impomatato che è saltato sul tavolo di quel signore laggiù e sta facendo un collage con l'insalata che stava nel suo piatto!"

E quelli che ti dicono: "dai... passati i primi anni di vita, poi è tutto in discesa..." Io sto ancora a salì e non si vede la cima!!

21 commenti:

  1. Mamma mia, quelli con i figli "perfetti" li hai trovati tutti tu! Comunque a me non mi hanno detto che le cose migliorano poi, anzi: "Bambini piccoli, problemi piccoli. Bambini grandi problemi grandi". Evviva!!! Ci stiamo attrezzando.

    RispondiElimina
  2. Mamma mia, io sono debole di cuore, non puoi farmi leggere certe cose!!!
    Comunque anche noi dobbiamo iniziare lo spannolinamento e sono alquanto terrorizzata!
    E comunque il succo del discorso è che non capisco il bisogno di certe mamme di far sembrare i propri figli dei super eroi, inventando storie assurde. Siamo tutte mamme, confidarci tra noi, ammettendo dubbi, difficoltà e disastri, dovrebbe far sentire meglio noi (che ci siamo sfogate) e chi ci ascolta (che magari è nelle nostre stesse condizioni). E invece c'è chi se la tira, fa la superiore, fissa tuo figlio che fa i capricci con aria schifata come se il suo avesse già il posto assicurato ad Harvard a soli 2 anni, e raccontandoti qualche balla colossale sulle capacità del suo "Ambrogino" ti fa sentire inadeguata e con una gran voglia di picchiarla!

    RispondiElimina
  3. Troppo divertente sto post!
    E per fortuna le mamme con i figli perfetti sono la poche!

    RispondiElimina
  4. E chi lo dice che è tutto in discesa!!! A me hanno sempre detto il contrario...e confermo!!! :D
    Per lo spannolinamento resisti!!! Anche il mio pisciava ovunque e non gli scappava mai, non mollare, non mollare, non mollare!!!(detto da una che l'anno scorso era convinta di mandare il nano col pannolone anche alle medie!!!)

    RispondiElimina
  5. è tutto vero quello che scrivi. io dico sempre a tutti che non posso lamentarmi perchè con il mio primo figlio è andata bene, è un bambino tranquillo e non ci ha mai creato grossi problemi... ma, lo dico nel senso che "per essere un bambino piccolo non ci lamentiamo"! insomma tutto sta nel come ti poni verso le cose, e della fatica che fai per ottenerne altre. e qui entrano in gioco le tante cose che ti senti dire da quando diventi mamma, come se ci fossero delle regole fisse e se non le rispetti/tuo figlio non le rispetta non sei una buona mamma/non è un bravo bambino. riguardo agli argomenti che hai toccato tu ti posso dire che:
    l'allattamento è stato tremendo il primo mese, hai ragione è un lavoro e anche molto faticoso e doloroso i primi tempi. nel mio caso particolare poi le ho avute tutte io: ingorghi, mastite, ragadi, bambino sanguisuga che voleva ciucciare 16 ore al giorno di continuo. però le altre 8, di notte, dormiva senza svegliarsi e quando ho capito che tutto sommato andava bene così, almeno la notte riposavo anch'io, ho concluso che avevo un bambino bravo che non aveva mai avuto coliche e non mi aveva fatto fare una notte in bianco: si però passavo la giornata sul divano (o a letto) ad allattare. praticamente non ho fatto altro per i primi 3 mesi. insomma, niente è gratuito e se vogliamo è stato il mio modo per assecondare lui che alla fine ci ha fatto vivere tutti più tranquilli. riguardo alla dentizione, l'unica cosa da fare se proprio si capisce che il bambino non ce la fa più (e noi con lui) è la tachipirina. è inutile starsi a fare le paranoie, perchè soffrire noi e lui? il ciuccio non l'ha mai voluto ma conosco bambini che hanno più di 3 anni e ancora non riescono a toglierlo, immagino che per le mamme non sia un passo facile da affrontare. vedo però anche le maestre dell'asilo (psicologhe) molto tranquille su questo, quindi anche questa idea che per forza entro i 3 anni devono averlo lasciato probabilmente è una forzatura che mette stress alle mamme. sul pannolino, noi ancora siamo in alto mare (2 anni e mezzo), il pediatra ha detto che non c'è fretta e le maestre dell'asilo anche. però tutto il resto del mondo da quando ha compiuto i 12 mesi mi chiede quando avrei provato a farlo sedere sul vasino, che basta metterlo seduto e prima o poi la farà (si perchè secondo voi lui si siede a comando e resta seduto lì? e dopo averla fatta non andrà in giro col culetto sporco per tutta casa? e soprattutto io non ho niente da fare la mattina prima da andare a lavorare da provare a fargli fare la cacca nel vasino quando obbiettivamente ancora non è pronto?). ecco un'altra 'regola' che il mondo sembra volerti imporre e non fa altro che creare stress e aspettative nelle mamme e nei bambini. riguardo alla nanna poi, mio figlio dorme tutta la notte nel suo lettino ma è una conseguenza di serate passate insieme a lui ad aspettare che arrivasse il momento che era addormentato del tutto, serate a leggere libri e cantare canzoncine fino a mezzanotte, serate (succede ancora adesso) in cui ci si addormenta prima di lui. insomma non è che dorme nel suo letto perchè è così, ma perchè noi abbiamo lavorato tanto per rassicurarlo e abituarlo a dormire lì, e siamo con lui finchè non si è addormentato. idem per la cena: lui mangia a tavola con noi, certo. ma intanto non ha mai avuto altre possibilità perchè noi non gliele abbiamo date, per lui è normale. e comunque non è che stia fermo immobile, non faccia capricci, non rovesci l'acqua sulla tovaglia o non provi a mettere la pasta nel bicchiere, non voglia alzarsi a metà pasto per andare a giocare (e noi glielo lasciamo fare perchè un bambino non riesce a reggere la durata di una cena come un adulto)... insomma ci vuole buon senso ma anche tanto impegno e fatica per far si che si instaurino delle abitudini e una quotidianità con i nostri figli. certo poi ci sono caratteri diversi, situazioni diverse. alla fine l'importante è trovare un equilibrio, che sia il nostro e non imposto dall'esterno.

    RispondiElimina
  6. @6cuorieunacasetta: non è che le ho trovate tutte io le mamme con figli perfetti, è che se ne sentono davvero tante in giro!

    @regina87: secondo me le mamme che tanto decantano i propri figli, ne sono davvero convinte, non è che stanno dicendoti una bugia... il punto è che se la stanno raccontando a loro stesse per prime!

    @MMD: ridi ridi...

    @Mammabradipo: allora a me dicono che è in discesa per non aumentare la soglia di stress a cui sono giunta!
    E poi... troppo tardi, ho già mollato per lo spannolinamento, aspetto il caldo per continuare.

    RispondiElimina
  7. Quanto hai ragione! Proprio stamattina dicevo a un'amica di quanto i consigli non richiesti da parte delle mamme perfette con figli perfetti mi abbiano condizionato (in negativissimo) nei primi anni di vita di gnomo...ora ho imparato a fregarmene ma mi fanno imbufalire lo stesso!!!

    RispondiElimina
  8. @Per lo spannolinamento devi portarla in bagno ogni 15 min che le scappi o no.
    Lo so che lei oppone resistenza anche Filippo era così e anche Maia, ma devi convincerla/costringerla. Ci siamo passate tutte...
    Sai che mi ero inventata io? Hai presente il DVD del libro della giungla? Hai presente la marcia degli elefanti? bene, quella. Cantavo e marciavo e lui mi seguiva... per forza o per buona voglia!

    RispondiElimina
  9. @MMD: ho capito, ma nun gliela posso fà ora... con Melania che poi gironzola da sola per casa, oppure si infila in bagno e apre l'acqua e allaga mezzo mondo... no, non ce la faccio... rimando aspettando momenti migliori, sperando che mi dia una calmata soprattutto io!

    RispondiElimina
  10. Al nido che dicono? Hanno iniziato anche loro?

    RispondiElimina
  11. Al nido avrebbero dovuto iniziare la prossima settimana, ma, visto che Melania deve subire un piccolo interventino e non posso proprio stare appresso alla pipì di Miriam, direi di rimandare. Gliel'ho detto e hanno capito benissimo, anche perchè devo stare io per prima serena della cosa... ho detto che si può iniziare a giugno, con i primi caldi, almeno la faccio girare con le sole mutandine addosso e non ho due lavatrici al giorno da fare!

    RispondiElimina
  12. niente di preoccupante, deve togliere una cistina dietro al polpaccetto, una cosa di day hospital, niente di che... ma questo implica qualche punto, un'anestesia generale da smaltire, un po' di pensieri... e sicuramente tanto altro stress aggiuntivo!

    RispondiElimina
  13. Per lo spannolinamento io ti consiglio di NON insistere se l'hai dovuta cambiare 12 volte in un giorno.
    Io mi ero incaponita con Belvetta l'invernos corso e stavoa ndadno ai matti. A giugno in una settimana ha fatto davvero tutto lei.
    Si sarà bagnata due volte in tutto.
    Per la notte abbiamo aspettato settembre temendo chissà che regressione da cambio scuola e invece...niente.
    Ha bagnato il letto due volte da allora e aveva febbre.
    Sull'allattamento io avevomia suocera (che non ha allattato...ma devo dire che non è colpa sua...le dicevano che non aveva latte perchè non ha avuto la montata un nanosecondo dopo aver partorito!) che mi diceva "Come sie FOTUNATA tu che hai il latte e NON DEVI FARE LA FATICA DI PREPARARLO DI NOTTE!". E tu faglielo capire cosa vuol dire allattare col sangue che ti esce dai capezzoli!
    Svezzamento? Non pervenuto. Belvetta si è autosvezzata in tutta autonomia da testona cocciuta quale è. Mai mangiata una pappa. E la zozzeria è di casa.
    Ciuccio...ecco l'unico motivo (denti a parte) per cui sno contenta che non abbia mai usato il ciuccio è che non ho dovuto toglierlo :-D
    Per il sonno...siamo ancora in lotta.

    RispondiElimina
  14. discesa? quale discesa???
    Marisa adesso ha 2 anni e deve dire la sua su tutto, ogni mattina e' una lotta per convincerla che devo cambiarla, urla come una matta e dice: non voglio cambiarmi!!!!!!! e tira calci e pugni... bei tempi quando si faceva mettere di tutto senza reagire.... e ogni sera prima che si addormenti devo stare con lei almeno mezzora a cantare e raccontarle favolette.....
    cosa mi aspetta dopo?...

    RispondiElimina
  15. Nooooo!!! Non demordere! Fa' conto che anch'io avevo cominciato in questo periodo qua ed abbiamo avuto successo ai primi di giugno!Continua a riservare qualche ora al giorno di spannolinamento (iniziare in casa è tutto più semplice)!

    RispondiElimina
  16. Insomma mi sembra un momento davvero catartico.
    Se può consolarti anch'io devo iniziare lo spannolinamento e considerato la tipetta che ho in casa credo ne vedremo delle belle e così anche per il ciccio.
    Personalmente non sopporto certe mamme che si "inventano" figli perfetti, decantare le qualità del figlio è secondo me a volte un modo per gratificare il proprio ego, appesantito da grandi frustrazioni. Però ce ne sono tante in giro...

    RispondiElimina
  17. cara ma tu veramente le faresti scappare delle future mamme! dai che è vero che è faticoso ma non c'è soddisfazione più grande dell'essere mamma :-)

    RispondiElimina
  18. @Supermamma: dici che le faccio scappare?! :o) Effettivamente...
    ma chi mi legge sa perfettamente quali e quante sono le soddisfazioni di essere mamma, altro che!

    RispondiElimina
  19. Micaela, quanto ho riso mamma mia! E' tutto vero, se non stai attenta le altre mamme ti fanno entrare in una crisi depressiva eterna........quando andranno a scuola, quella vera....ne sentirai ancora di più....tipo figli che leggono e scrivo e fanno equazioni a 4 anni.......Io dico solo che in tutte le scuole dovrebbe esserci uno psicologo fisso tutta la settimana e gratuito che a giorni alterni riceve....TUTTE LE MADRI!!!!!

    RispondiElimina
  20. prima figlia : il ciuccio è stata lunga e dura anche qui. togli il ciuccio arrivano i pavor, rimetti il ciuccio spariscono i pavor. Ti assicuro che in confronto ai pavor il ciuccio va benissimo anche fino ai 20 anni.
    spannolinamento. sinceramente è stato piuttosto semplice per la pipì, ha capito al volo. la cacca la tratteneva.
    nanna : perché dormono ?

    seconda figlia : il ciuccio lo sta iniziando ad usare (abusare) ora. nanna : si per il momento si addormenta da sola. Esistono! non ci credevo nemmeno io. tutto il resto è presto per dirlo.

    RispondiElimina

Pensieri e massime varie che ho fatto miei!

Affrontare il mare in tempesta su un guscio di noce, ma farlo mano nella mano, è più facile che non da soli..

Nella vita c'è SEMPRE qualcosa di meglio da fare che stirare. E se non c'è, bisogna lavorare sulla propria vita.

Quando distribuivano il talento della perfetta massaia io sono andata un attimo in bagno.

Per cogliere tutto il valore della gioia devi avere qualcuno con cui condividerla (M. Twain)

L'amore per la lettura è uno dei regali più belli che una mamma può fare. (L. Salemi)

Dai uno sguardo anche a...

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...